Prestiti gestione separata

La Gestione Separata è stata introdotta nel 1995 con la Legge 335/1995 e rappresenta una forma di previdenza per tutti quei lavoratori autonomi che esercitano attività professionale o di collaborazione per la quale non è prevista una forma assicurativa e implica quindi la formazione di un fondo pensionistico a garanzia della pensione per suddetti lavoratori. È gestita dall’INPS – Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

prestiti gestione separata Tutti i lavoratori iscritti alla Gestione Separata, versano un contributo in un fondo comune gestito dall’ente nazionale di previdenza stabilito anno per anno.

Gli iscritti alla gestione separata possono giovare di alcune agevolazioni, come ad esempio ottenere prestiti dall’Istituto di Previdenza a condizioni vantaggiose.

Nel caso specifico la condizione necessaria per ottenere il prestito Gestione Separata è la regolarità dei versamenti contributivi per almeno due anni e quindi anche un’anzianità di iscrizione pari a due anni. I prestiti concessi dalla Gestione Separata sono proporzionarti al reddito complessivo del richiedente e ad un reddito maggiore corrisponde una maggiore possibilità di accedervi.
Ad esempio, i giornalisti che sono iscritti alla Gestione Separata (INPIG 2) possono avere prestiti da € 2000 fino a € 15.000 restituibili anche in 60 rate con un tasso del 6,40%. Inoltre il richiedente deve sottoscrivere una polizza a garanzia della restituzione.

La differenza principale tra un prestito chiesto a un istituto di credito tradizionale e un prestito chiesto alla Gestione Separata è che il richiedente deve pagare soltanto il costo della polizza fidejussoria di garanzia. Il costo va da qualche decina di euro fino a due/tre centinaia di euro: davvero una spesa minima!

Continuando l’esempio di prima, il richiedente del prestito Gestione Separata dovrà pagare da un minimo di € 83,00 per prestiti fino a € 3,200, fino ad un massimo di
€ 260,00per prestiti fino a € 15,000.

Il sito internet dell’INPS dedica ampio spazio alla Gestione Separata e fornisce dettagliate informazioni in merito – www.inps.it .



Fai conoscere questo articolo:

    Be the first to comment

    Leave a Reply

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *