Guida sui prestiti finanziari, mutui, tassi di interesse, calcolo delle rate.

Assicurazione sui prestiti personali

Data: |Categoria: Prestiti|219 Commenti »


L’assicurazione sui prestiti personali è una polizza, offerta dai finanziatori, che garantisce la tutela del beneficiario nell’eventualità si presentino circostanze personali o lavorative come infortuni permanenti, malattie, decesso e improvvisa disoccupazione che limitano o arrestano la produzione di reddito ( ovviamente l’assicurazione ogni qualvolta effettua i dovuti e rigorosi controlli in merito a tali eventi). 

Le condizioni e i vincoli assicurativi sono molteplici e possono variare in relazione alle varie assicurazioni e alle circostanze che rientrano o meno nella copertura.

E’ necessario che il soggetto richiedente si informi in modo dettagliato dei rischi che vuole prevenire, assicurandosi che non abbia già attuato la copertura mediante un’altra assicurazione. 

Particolare importante, da tener presente nel momento in cui il soggetto si appresta a stipulare un contratto assicurativo, è quello di scrutare la polizza in ogni suo punto senza farsi influenzare dai tassi d’interesse perché non sempre le assicurazioni con i tassi minori sono le più convenienti.

Le assicurazioni sul prestito personale possono, nella maggior parte dei casi, risultare molto utili, nonostante lo scetticismo (soprattutto dal punto di vista economico) che le circonda. 

La polizza che salvaguarda un prestito diventa fondamentale soprattutto nel caso in cui il beneficiario abbia ricevuto un prestito consistente, in modo da garantire la giusta tranquillità e sicurezza. Nel caso di piccoli prestiti, invece, e sconsigliabile affidarsi ad un’assicurazione perché sarebbe un esborso superfluo di denaro.



Fai conoscere questo articolo:



    219 Risposte to “Assicurazione sui prestiti personali”

    1. Vorrei sapere se è vero che l’assicurazione sui prestiti personali è obbligatoria per legge e se in caso di estinzione anticipata del prestito l’importo del premio assicurativo possa essere in quota rimborsato. Grazie

    2. Per quanto riguarda la polizza assicurativa sul prestito personale in teoria non tutte sono obbligatoprie (eccezion fatta per la cessione del quinto), tuttavia all’atto pratico una mancata sottoscrizione assicurativa può comportare la riduzione del prestito richiesto o addirittura il rifiuto da parte dell’istituto di credito.

      L’estinzione anticipata di un debito presuppone oltre al versamento del capitale residuo anche degli interessi ed eventualmente di una penale che per regolamento non può essere superiore all’1% del capitale residuo. Per quanto riguarda il rimborso del premio assicurativo dipende dalla tipologia di contratto stipulato.

    3. Volevo chiedere , l’assicurazione sui prestiti copre tutto l’importo del prestito in caso di perdita di lavoro o le rate fino a che si trova un altro impiego ?

    4. L’assicurazione sui prestiti copre l’importo nel caso di perdita dell’impiego, tuttavia tale clausola deve essere specificata nella polizza assicurativa.
      Controlla il contratto per sicurezza.

    5. grazie controllo subito ! ma voi fate anche prestiti ?

    6. Figurati.
      Siamo solo un blog di informazione su prestiti e finanziamenti.

      A presto.

    7. le assicurazioni valgono anche per la cassa integrazione x mancanza lavoro?

    8. La cassa integrazione è già una forma di assicurazione che tutela il lavoratore nel caso di interruzione dell’attività produttiva in azienda. L’integrazione è pari all’80% rispetto alla retribuzione ordinaria.
      La cassa integrazione non si applica se si svolgono altre attività retribuite e varia in genere dalle 13 settimane ai 24 mesi.

    9. Da un anno ho fatto un finanziamento e ho già attivato l’assicurazione per perdita d’inpiego, ma la finanziaria vuole che continui a pagare le rate. Devo pagare?

    10. Salve Giorgio,
      visto che le clausole possono variare da un contratto ad un altro ti consiglio di leggere attentamente ciò che hai sottoscritto e semmai di chiedere spiegazioni in merito.

    11. Salve sono il signor. Claudio lieto di conoscervi, volevo chiedervi siccome che io ho usufruito di un prestito personale applicando pure la copertura assicurativa e oggi purtroppo ho perso l’impiego perchè l’azienda ha fatto riduzione del personale e al momento non ho più la facoltà di poter pagare attivo l’assicurazione quali sono le conseguenze che portano?

      Cap.1 Nel momento in cui attivo l’assicurazione quando tempo di copertura mi occorre.

      Cap.2 Nel momento in cui attivo l’assicurazione verrò segnalato nella centrale rischi delle Banche e Finanziarie come cattivo pagatore.

      Cap.3 Per poter verificare meglio la copertura assicurativa dove dovrei consultare?.

      Attendo al più presto una vostra comunicazione.

    12. Salve Claudio,
      cerco di risponderti al meglio per punti:

      1) dovrebbe essere indicato nel contratto che hai firmato, leggi bene anche le clausole.

      2) se la polizza assicurativa era già inclusa nel contratto non ci dovrebbero essere problemi, in caso contrario la segnalazione può avvenire anche dopo 2 – 3 mensilità nel ritardo dei pagamenti. Ti segnalo questo interessante articolo riguardante le assicurazioni sui prestiti: http://it.wikipedia.org/wiki/Assicurazione_dei_crediti

      3) deve essere scritto tutto nel tuo contratto, stipulato al momento della sottoscrizione del prestito.

    13. Salve, ho un finanziamento sulla mia auto con polizza assicurativa , il problema e che a fine anno ho perso il lavoro perchè l’azienda non aveva più lavoro, adesso sono disoccupato e sono molto in difficoltà a pagare le rate.
      la mia domanda è: posso avvalermi della polizza, e se sì a chi devo rivolgermi o cosa devo fare? .
      certi di una vostra risposta vi saluto grazie

    14. Salve Mario,
      ti consiglio di leggere intanto bene il tuo contratto (clausole incluse) e di fare attenzione alla polizza assicurativa per inadempimento del pagamento dovuto a perdita del proprio lavoro.

      Poi contatta l’Istituo di credito che ha emesso il contratto in modo che non scattino in automatico i meccanismi di mora o ancora peggio la segnalazione nella lista delle Centrali Rischi (cattivi pagatori).

    15. salve sono vincenzo, vorrei porvi una domanda, tempo fa ho sottoscritto un contratto con una società di finanziamento sottoscrivendo anche la polizza assicurativa in caso di decesso o perdita di lavoro facendo presente al tipo della società in questione che di li a qualche anno sarei andato in pensione, ricevendo risposta, nonostante la cosa, positiva dalla società (infatti mi fu detto che la cosa si poteva fare e che non mi sarei dovuto preoccupare in quanto successivamente avrei continuato a pagare le rate detraendole automaticamente dalla mia pensione); oggi ho scoperto, perche contattato dalla compagnia assicurativa,che la società di finanziamento si è avvalsa sulla compagnia assicuratrice la quale oggi mi chiede il rimborso totale del prestito ottenuto..domando quindi e vi chiedo gentilmente di rispondermi se sono tenuto oggi a pagare? e se si perchè se all’atto del contratto 1° la finanziaria sapeva del mio andare in pensione e 2° la sottoscrizione di tali assicurazioni (a fronte di un ulteriore pagamento e quindi una rata piu alta) è appunto fatta per assicurare il cliente da ogni pericolo…fra l’altro una compagnia di assicurazione prima di accettare la richiesta di un finanziamento si accerta di tutta la documentazione quindi l’errore/truffa sta sia da parte del società finanziatrice, sia da parte della compagnia assicuratrice….rispondetemi vi prego

    16. Ciao Vincenzo,
      leggi bene le clausole di assicurazione, solo ciò che è scritto nel contratto che ha valore legale. Tutto quello che ti hanno detto a parole non conta.

    17. Buongiorno, ho una situazione drammatica, con una serie di prestiti in corso anche abbastanza alti. Purtroppo causa malattia grave (Insufficienza renale cronica, attualmente terminale) e causa separazione da mia moglie, con conseguente pagamento di alimenti che il giudice le ha concesso, senza nemmeno valutare la mia condizione fisica, che attualmente non mi permette di lavorare nemmeno saltuariamente, mi trovo praticamente impossibilitato a continuare a pagare le rate dei miei finanziamenti. Vivo solo della mia pensione che è di 1.600,00 euro netti al mese, dai quali però viene già detratta una rata di oltre trecento euro per una cessione del quinto e in più pago un affitto di oltre settecento euro al mese. Se a tutto questo si aggiungono anche che gli alimenti a mia moglie, che sono di altre settecento euro… Insomma, vorrei usufruire delle assicurazioni che ho regolarmente stipulato nei contratti di finanziamento, ma purtroppo non ho più le copie dei contratti e non so dove posso richiederle. Vi prego aiutatemi. Grazie per l’attenzione.

    18. Salve Francesco,
      l’unica soluzione al tuo problema è quella di richiedere i duplicati dei contratti di finanziamento alla Società-Impresa che ha erogato il finanziamento.
      Tutto questo, naturalmente, deve presupporre, avendone conservato i riferimenti (ad es. indirizzo della sede legale o n° di tel), la conoscenza della Società-Impresa con la quale hai stipulato i contratti.
      Se ciò non fosse possibile, potresti risalire al reperimento dei dati necessari tramite il tuo istituto di credito (banca/posta), il quale dovrebbe rilasciare senza alcun problema le generalità dell’altra parte contrattuale.

    19. Buonasera, sono Paolo, mia madre ha sottoscritto nel 1997 un contratto con una banca, un contratto con il quale aveva la disponibilità di prelevare delle somme mediante una carta di credito, restituendo il capitale con regolare rateizzazione.
      Io ero all’oscuro di tutto, fino ad un anno e mezzo fà, quando nel gennaio 2008 mia madre fu colpita da ictus, e da quel momento mi sono dovuto occupare di lei in quanto non più capace di intendere e di volere.
      Quindi venni a conoscenza del tutto, quando telefonicamente fui raggiunto dagli operatori della banca, i quali sollecitavano il pagamento della rate pregresse. In virtù di ciò, io spiegai loro le ragione dei ritardi (che mai prima di allora si erano verificati), e proprio loro mi dissero che avrei poturo far valere la polizza assicurativa stipulata da mia madre nel 1997, in quanto essa prevedeva la liquidazione totale del prestito in caso di invalidità permanente superiore al 66%, ed in caso che il contraente fosse stato colpito da ictus. Così ho fatto, in quanto mia madre ha un’invalidità pari al 100% e addirittura percepisce la pensione di accompagnamento, ma ad oggi, quindi a sette mesi dalla presentazione della domanda, non ho ancora ricevuto risposte nonostante abbia corrisposto alla banca alcune rate richiestemi al fine di evitare l’iscrizione nel registro dei cattivi pagatori durante il completamento dell’istruttoria.
      Vorrei, se fosse possibile un aiuto da parte Vostra per poter dirimere questa questione che mi preoccupa non poco.
      Vi rignrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.

    20. Salve Paolo,
      se la polizza assicurativa prevedeva espressamente la possibilità di invocazione della stessa nei casi da te citati (invalidità della madre), allora non è giustificato l’inadempimento della banca. Prova ad effettuare un controllo del contratto, circa la presenza di eventuali clausole in cui viene espresso un termine a partire dal quale avrà effetto l’assicurazione. Se non riscontri nulla in merito, allora bisognerà intimare alla banca di adempiere perché è in ritardo, ma per fare ciò dovrai recarti da un avvocato.
      Saluti.

    21. Buon giorno. Sono una ragazza 28enne che sono senza lavoro perchè l’azienda dove lavoravo a chiuso. Ho lavorato fino a marzo anche se non mi pagavano da febbraio, al 13 aprile ho saputo che sono in cigs ma fino a oggi 20/07/2009 non ho ricevuto nessun soldo. Io voglio sapere se l’assicurazione del prestito personale che io ho copre anche le persone in cassa integrazione.grazie

    22. Ciao Alina,
      di solito l’assicurazione sul prestito personale copre anche in caso di cassa integrazione, almeno fino a che un rapporto di lavoro non si interrompe per licenziamento, però ti consiglio di leggere attentamente o di far leggere da qualche esperto le clausole dell’assicurazione e del contratto di prestito personale.
      Saluti

    23. salve vorrei sapere siccome ho richiesto un prestito personale e vista la mia situazione che son protestato e pignorato in busta paga mi hanno detto che lo posso ottenere firmando un’assicurazione sul presito e devo anticipare la somma dell’assicurazione in contanti e pari al 10% dell’importo richiesto mcosa devo fare ringrazio per la collaborazione

    24. Salve Gaetano,
      sinceramente, vista la tua situazione (protestato e pignorato in busta paga), è impossibile avere un prestito. Quindi se qualche agenzia o banca ha accettato di dartelo a delle condizioni particolari, l’unica cosa che ti resta da fare è accettare oppure rifiutare. Ti consigliamo comunque di farti bene i conti per capire se puoi tranquillamente accettare le condizioni oppure se è meglio lasciar perdere per non impelagarti ulteriormente con i pagamenti.
      Ciao.

    25. il pignoramento e’ dovuto a un debito con privato; tuttavia l’avvocato ha avviato per sbaglio due pignoramenti, quindi sto pagando due volte. Visto che la prima volta la mia azienda gia’ gli ha corrisposto la somma dovuta adesso cosa devo fare per evitare di pagare il debito con la stessa persona? Un sincero saluto.

    26. salve sono francesco, sono un rgazo di 27anni, ho richiesto un piccolo prestito per l’acquisto di un’ auto usata e mi hanno proposto di fare l’assicurazione sul prestito( più che proposto mi hanno detto che è obbligatoria farla, cosa al quanto strana a mio parere). Tale assicurazione mi hanno detto che avrebbe coperto le mie rate in caso di perdita di lavoro e in caso di una mia impossibilità a lavorare.Volevo chiedere se avendo questa assicurazione e dovrebbe sussistere una giusta causa come da contratto di inadempimento delle rate, tali rate estinte dall’assicurazione nel momento in cui io ritrovassi lavoro mi ricadono su di me di nuovo o una volta estinte dall’asicurazione sono estinte senza che io debba subire ulteriori pagamenti? Ringrazio in anticipo per la disponibilità e la collaborazione;

    27. Vorrei sapere dopo quanti anni si viene cancellati visto che ho avuto cambiali e assegni protestati

    28. 5 anni con l’intervento di un legale.

    29. Per Gaetano,
      se l’esecuzione ha già avuto inizio, l’unica soluzione è proporre ricorso al giudice dell’esecuzione. Per fare questo però ti devi rivolgere ad un legale.

      Per Francesco,
      spesso le società che concedono prestiti richiedono di stipulare un’ assicurazione che tuteli la società in caso di inadempimento del cliente. Per questo motivo, se tu dovessi perdere il lavoro, l’assicurazione provvederebbe ad estinguere il debito.
      Ti consiglio però di leggere attentamente il contratto per vedere se c’è un riferimento ad un’eventuale rivalsa da parte dell’assicurazione nel caso tu dovessi trovare un nuovo lavoro.

    30. Salve sono Davide,ho fatto un prestito personale in banca con una durata da 4 anni,sono gia passati 15 mesi,la azienda dove lavoro a fatto ricorso alla cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione,e gli consecuenti esuberi,la azienda mi ha comunicato di esere uno di loro esuberi,che in maniera “voluntaria”(non avvendo altra scelta) mi mettono in cigs per un anno doppo di che mi aspetareve la mobilita e anche un incentivo.La assicurarazione che ho mi copre fino ha un anno per sinistro per disoccupazione in caso de cigs,e mi chiede solo la dichiarazione del datore di lavoro,attestante la durata del periodo di cigs.Chiedo…anche si e “voluntaria” sono coperto?Il contratto in nessun punto sclude la voluntarieta.
      Saluti

    31. Salve Davide,
      se abbiamo capito bene il tuo datore di lavoro ti ha detto che sei in cassa integrazione straordinaria “volontaria”. Ma per essere volontaria devi richiederla tu, altrimenti non sarebbe volontaria. Quindi ti conviene chiedere delle spiegazioni in azienda.
      Per quanto riguarda il prestito, non dovrebbero esserci problemi perchè di solito non ci sono differenze tra cigs volontaria e cigs “normale”, soprattutto se nel contratto non c’è nessuna distinzione. Comunque per una tua sicurezza ti consiglio di chiedere delle informazioni in banca, in particolare per quanto riguarda il periodo di mobilità che dovrai affrontare.

    32. Salve , sono Roberto e scrivo perchè la mia azienda ci ha appena comunicato che non solo non sarà in grado di pagarci gli stipendi arretrati e quello attuale, ma che tra pochissimi giorni andremo tutti i mobilità .
      Da anni pago le rate mensili di un prestito bancario , non un mutuo , alla mia banca e stipulai anche la polizza assicurativa .
      Ho appena letto il contratto di questa assicurazione e specifica che la polizza non è valida in diversi casi , tra cui la cassa integrazione ord e straord , ma non viene in alcun modo citata la mobilità. In questo caso , secondo lei , la polizza bancaria coprirà le rate future ? Ed in particolare mi chiedo anche se , in caso di risposta positiva , coprirebbe solo le rate finchè non trovo un nuovo impiego o direttamente tutto l’importo del prestito ? Grazie mille e complimentoni per il vostro servizio , di questi tempi davvero utilissimo !

    33. Salve ,
      mi chiamo Francesco e vorrei chiedervi se siete a conoscenza di nomi di istituti di credito che rilasciano prestiti stipulando un assicurazione sullo stesso.
      Grazie

    34. Salve Roberto,
      solitamente la mobilità è equiparata alla cassa integrazione, però nel contratto dovrebbe essere esplicitamente scritto, quindi supponiamo che l’intenzione della banca di non inserire la mobilità nei motivi di esclusione dell’assicurazione ti permetta di poter usufruire tranquillamente della polizza assicurativa e quindi delle rate future.
      Il problema, però, è quello di stabilire quante rate future ti coprirà questa assicurazione!
      La mobilità ha una durata e quindi un termine, oltre il quale se tu non dovessi trovare un altro lavoro (facciamo gli scongiuri!!) perderesti anche la copertura assicurativa. Quindi coprirebbe solo il periodo della mobilità, e se nel frattempo tu trovassi un nuovo lavoro, l’assicurazione si interromperebbe perchè in questo caso ci sarebbe nuovamente uno stipendio dal quale detrarre le rate.
      Comunque, ti consigliamo di chiedere maggiori informazioni alla tua banca per quanto riguarda la copertura assicurativa in caso di mobilità, come ben saprai, è meglio avere il parere da parte di chi ha elaborato il contratto per non avere sorprese in futuro!!!
      Buona fortuna per il tuo futuro lavorativo.

    35. Salve Francesco,
      ormai quasi tutti gli istituti di credito si avvalgono di una copertura assicurativa per la concessione di prestiti.
      In questa sede non ci sembra corretto nominarne alcuni tralasciandone altri, comunque i più importanti e noti ti potranno garantire questo servizio.
      Oppure puoi rivolgerti alle società finanziarie che erogano prestiti, anche in questo caso rivolgiti alle più prestigiose e che operano da molti anni in questo settore.
      Saluti.

    36. Salve! Anch’io ho un problema..Ho fatto un prestito alla Posta l’anno scorso a ottobre di 4000,00 euro ho pagato tutte le rate sino a questo mese nonostante da un anno non lavori ma ora proprio non posso più pagare. essendo assicurato dovrei poter estinguere il debito. Mi è stata posta la domanda se l’ultimo era un contratto a termine, e in effetti lo è. Vuol forse dire che se io ho perso il lavoro xchè il contratto è a termine io non posso usufruire della copertura assicurativa che mi è costata sino ad ora 800,00 euro? Eventualmente come devo fare? Grazie dell’aiuto che mi potrete dare. Nejo

    37. Salve Nejo,
      tutto quello che riguarda il suo prestito lo può trovare solo nella copia del contratto che ha firmato. Dovrebbe leggerlo attentamente e cercare di capire quali sono le motivazione per le quali può avvalersi dell’assicurazione sul prestito.
      Diversamente, dovrebbe farlo leggere da un legale o anche da un commercialista/consulente che sicuramente saprà interpretare l’eventuale linguaggio burocratico del documento.
      Saluti

    38. Per la morte di un garante, per quanto riguarda un prestito personale si continua a pagare normalmente?

    39. Salve Gerardo,
      quando si verifica la morte del garante (fidejussore), il debitore principale continua normalmente a pagare le rate.
      L’unica cosa a cambiare è che al posto del garante defunto subentrano i suoi eredi, per cui in caso di inadempimento del debitore principale risponderanno gli eredi del garante (fidejussore).
      Saluti.

    40. Buongiorno
      ho richiesto un prestito personale con assicurazione. Per la richiesta dell’assicurazione, io dovrei firmare dichiarando che, alla data della firma, non sono oggetto di procedure di cassa integrazione. Purtroppo l’azienda in cui lavoro sta ricorrendo alla cig, e ovviamente tale condizione sarà visibili dalle mie buste paga che dovrò inviare alla finanziaria.
      Tuttavia, leggendo l’informativa sulle condizioni di assicurazione, in nessun punto viene escluso dalla stipula dello stesso chi in quel momento si trova in cig. Anzi, viene esplicitato che la condizione di cig non esonera al pagamento delle rate.
      Come posso avvalermi di tale assicurazione che copre anche altri eventi (Decesso, malattia Grave etc. )?

      Grazie infinite per un chiarimento in merito

    41. Scusate, ho dimenticato di precisare che tale dichiarazione (che non sono oggetto di cig) è sul contratto di richiesta del prestito, ma non compare sull’informativa della polizza di assicurazione.

    42. Salve Ele,
      purtroppo le informative in generale sono delle scritture standard. Ad avere rilevanza sono proprio le clausole contrattuali, le quali hanno effetti vincolanti se espressamente accettate mediante la firma del contratto.
      Per tale motivo, se il contratto prevede che al momento della firma (quindi se firmi e non rientri ancora nella CIG, puoi teoricamente beneficiare dell’assicurazione) non si debba essere soggetti a CIG, un’eventuale dichiarazione falsa potrebbe essere causa di annullamento del contratto.
      Ti consigliamo comunque di chiedere delle informazioni alla società erogatrice del finanziamento, circa l’incompatibilità da te rilevata tra contratto di assicurazione e informativa della stessa.
      Saluti.

    43. Buonasera, Sono un artigiano edile nel dicembre 2006 ho chiesto un prestito personale alla mia banca, e nello stesso momento ho aderito alla polizza collettiva abbinata al “credito personale”,pagando per la copertura ass. prestata in caso si morte (€. 301,86 ), e in caso di invalidita’ totale permanente da infortunio o malattia ,inabilita’ temporanea totale da infortunio o malattia, disoccupazione, malattia grave(€. 776,14). Due mesi fa circa, mentre lavoravo ho sentito un forte strappo alla schiena, ho fatto una lastra e mi e’ stata riscontrata un’ ernia discale ,esattamente nello stesso punto (L5-S1) nel quale ero stato operato chirurgicamente 10 anni fa. Da allora non sto piu’ lavorando, sono costretto a chiudere la mia attivita’. Di quali documenti ho bisogno per chiedere di non pagare le rate fino a che, non superero’ questo momento , visto che sono stato messo in lista per un intervento chirurgico , mediante il quale mi sara’ inserita una protesi al posto del cuscinetto tra le vertebre.

    44. Salve Renato,
      ti rivolgo tutta la mia totale solidarietà e comprensione, poiché anche il sottoscritto soffre della tua stessa patologia, quindi posso comprendere la sofferenza che provi, anche se non devo essere sottoposto ad una seconda operazione nonostante mi sia uscita nuovamente un’ernia nello stesso punto (L5-S1), più altre due ernie sovrastanti.
      Ora, rispondendo al tuo quesito, i certificati da produrre per le esigenze assicurative sono tutti quelli che attestano la tua impossibilità a compiere delle attività lavorative.
      Dovrebbero essere accettati i certificati emessi dagli specialisti che effettuano le visite privatamente, ma può accadere che le compagnie assicuratrici e le società che erogano mutui o prestiti, accettino soltanto certificati emessi da strutture sanitarie nazionali, quindi non rilasciati da specialisti privatamente.
      Inoltre, i certificati dei medici ospedalieri sono necessari per ottenere l’attestazione della patologia ai fini di un’eventuale richiesta di invalidità.
      Ti consigliamo, però, di contattare la banca o la società che ha fornito la polizza assicuratrice, per sapere con precisione quali certificati produrre.
      Buona fortuna per tutto.
      Saluti.

    45. La ringrazio, appena avro’ novita’ le faro’ sapere.

    46. mia moglie ha contratto un prestito personale con una banca
      dopo aver pagato per tanti anni, ora è defunta, è implicito che il
      rimanente debito venga estinto dall’assicurazione implicita nel
      contratto?

    47. salve,da poco ho chiuso la mia ditta individuale x colpa della crisi e ora sono disoccupato,ho difficolta a pagare una rata di un prestito con polizza assicurativa compresa,posso fare qualcosa ?

    48. Salve,
      mi hanno concesso un prestito ma senza aver stipulato un’assicurazione. Adesso sono passati oltre 12 mesi, potrei eventualmente stipularne una che mi tuteli in caso di perdita di impiego? Grazie e saluti.

    49. Stiamo avendo problemi con un mutuo, siamo rimasti in arretrato e non sappiamo come fare, avendo anche altri prestittini da azzerare, cerchiamo di fare un consolidamento ma purtroppo siamo segnalati e quindi tutti ci rifiutano l’operazione; siamo disperati e in procinto di abbandonare la casa, forse ci potreste aiutare voi? Al limite ci potreste indicare a chi rivolgergi e se ci sono speranze di poter risolvere il tutto? Grazie.

    50. Buongiorno,mi chimo marioe le pongo questo mio problema.Avendo conseguito una malattia grave ,e il 67x 100 di invalidita’e avendo fatto dei prestiti con l’assicurazione posso in qualche modo avvalerne visto che non riesco proprio piu’ a farcela?Sono un operaio e non riesco nemmeno a rivolgermi a un legale x la mia situazione disastrosa,la ringrazio anticipatamente mi metta lei se possibile sulla strada da seguire.

    51. Buongiorno,
      io avevo sottoscritto un finanziamento presonale di 25mila euro con la clausola assicurativa che qualora fossi deceduto o quan’altro, avrebbe pensato lei a pagare la rimanenza. Ora la azienda per cui lavoro chiude licenziando tutti o liquiderà. Potrò rientrare nella clausola assicuratiuva nonostante io poi possa prendere il sussidio di disoccupazione (o dovrò continuare a pagare il finanziamento che è di 540 euro mensili)?

    52. Salve,sono Daniele.
      Vorrei avere un’informazione su una cessione del quinto comprensiva di polizza assicurativa;la trattenuta in busta da un pò di mesi non viene più corrisposta dal datore di lavoro,in quanto essendo in cig lo stipendio è diminuito e,come prevede la legge,se la diminuzione supera 1/3 dello stesso la rata non viene più corrisposta. La mia domanda è:se l’azienda dovesse pormi in mobilità e per tanto corrispondermi un incentivo all’esodo,l’assicurazione può rivalersi su quest’ultimo oltre al TFR ?

    53. Salve, vorrei per favore sapere se posso stipulare una assicurazione per un prestito che andrò a fare ad un parente. Voglio assicurarmi che in caso di inconvenienti di varia natura io possa rientrare della somma prestata.
      Ma l’assicurazione in caso di evento negativo (nel caso debba coprire la somma) si rifà su qualcuno oppure paga e basta?
      Questo non mi è chiaro. Sapreste indirizzarmi verso buone assicurazioni?
      Grazie e Saluti

    54. Salve ANTONIA,
      in questo caso dovreste stipulare una scrittura privata di mutuo, eventualmente a titolo gratuito.
      Se non si vuole garantire della somma prestata, eventualmente con un pegno o con un’ipoteca, può rivolgersi presso una qualsiasi compagnia assicuratrice ed informarsi per l’eventuale stipula di una “polizza cauzioni”, che però deve essere firmata, cioè contratta dal parente che riceverà il suo prestito.
      La polizza cauzioni svolge lo stesso ruolo di una fidejussione bancaria.
      Saluti

    55. salve, mi chiamo danila e vi pongo questo quesito: in data 23/05/2007 ho sottoscritto un finanziamento personale di € 4000,00 per il quale ho richiesto lassicurazione in caso di morte e perdita del lavoro. Non mi ero resa conto che aveva scadenza 28/05/2008 solo oggi, visto che ho perso il lavoro in data 31/10/2007 e da un anno nn riesco più a pagare le rate mi sono accorta che l’assicurazione aveva validità un anno, io ho perso il lavoro in quell’anno per riduzione del personale. Ad oggi posso far velere i diritti di rimborso in quanto ho perso il lavoro nell’anno di assicurazione? Grazie vorrei sapere se qualcuno può aiutarmi. Danila

    56. salve
      Sono un rappresentante con un solo mandato e che con il quale ho vissuto fino ad ora.
      nel 2009 ho avuto un prestito dalla banca di 25000, a maggio la ditta che rappresento ha deciso di toglirmi il mandato.
      Ora mi trovo senza lavoro a dover pagare 500 euro al mese per il mio prestito sul quale ho pagato l’assicurazione e la quale dice che essendo autonomo non posso usufruire della stessa.
      Cosa devo fare?
      Dal contratto dice che per perdita di lavoro vale l’assicurazione.
      La banca è San Paolo banco napoli e l’assicurazione eurizon vita.

      Vi prego rispondetemi

    57. rispondetemi per cortesia

      grazie

    58. Buongiorno, qualche anno fa avevo chiesto e avuto un prestito da unicredit e avevo anche stipulato l’assicurazione per copertura causa morte o perdita dell’impiego. Due anni fa ho perso il lavoro ma a causa di problemi vari correlati alla cosa (perdita della casa in cui ero in affitto ecc…) ed essendo completamente nel pallone non ho pensato a denunciare il sinistro. Quando poi son ritornato in me ho chiamato l’assicurazione ma mi hanno risposto che essendo trascorsi i 60 giorni previsti dalla data di licenziamento per la denuncia del sinistro non si poteva più fare nulla…avevo tutti i diritti per poter richiedere l’intervento assicurativo ma ormai ero fuori termine;mi son rassegnato e ho continuato a pagare cercando di farmi prestare soldi dai miei e facendo lavoretti qua e la…Tutt’oggi sono senza lavoro e non riuscendo più a “lavoricchiare” qua e la non riesco propri più a pagare le rate…COSA POSSO FARE???Grazie a chiunque vorrà e saprà darmi un aiuto.
      Grazie mille .Luciano

    59. X favore ho bisogno di un prestito anche con cambiali contattatemi 3485583523

    60. Ciao, sto pensando di aprire un negozio e avrei bisogno di un piccolo finanziamento che ho pensato di chiedere alle Poste Italiane dove mi hanno consigliato di includere l’assicurazione sul prestito.
      Il finanziamento dovrà essere chiesto da mio marito che lavora da dipendente presso una azienda ma i soldi che ci verranno erogati saranno destinati all’apertura del negozio:

      domanda: se una volta aperta l’attività non dovesse andar bene e dovessimo chiuderla, l’assicurazione copre il pagamento del resto del finanziamento richiesto o copre solo nel caso in cui mio marito dovesse perdere il lavoro?

      Vi ringrazio e Vi sarei grata se potesse rispordere al mio quisito!

    61. ciao…2anni fa ho chiesto un prestito per acquistare una macchina. con il prestito ho pagato anche un assicurazione che mi coprisse in caso di decesso e perdita di lavoro. Ora ho perso il lavoro e l’assicurazione non vuole coprirmi perchè sono stata licenziata per giusta causa(riduzione dell’attività). E giusto?Sapete aiutarmi???
      P.S. sn stata licenziata per un infortunio ke mi ha lasciato a casa 1anno e la SCUSA è stata riduzione dell’attività.

    62. 3 anni fa ho chiesto un finanziamento .mi anno fatto fare una assicurazione che comprendeva la perdita di lavoro. Essendo stata licenziata per mancanza di lavoro circa un anno fa’, l’assicurazione dopo vari controlli ha deciso di pagare le rate, mandandomi una raccomandata con scritto che avrebbero pagato le rate fino a gennaio 2011. Tuttavia dopo sei mesi hanno smesso di pagare dicendomi che l’assicurazione copriva solo 6 mesi. Volevo sapere se e corretto? Grazie.

    63. Salve, sono un lavoratore dipendente e su uno stipendio di 950 € ho rate con diverse finanziarie per 830 € assicurate, se smetto di lavorare come dipendente e mantengo solo una piccola ditta individuale gia esistente sono tenuto a pagare le rate?

    64. Salve FEDERICO,
      è necessario analizzare attentamente le singole clausole contrattuali dell’assicurazione. Bisogna appurare se la copertura assicurativa è affecace anche in caso di perdita di mandato per le professioni autonome.
      Solitamente ci si riferisce alla perdita di lavoro subordinato, quindi da dipendente. Potrebbe essere per questo motivo che l’assicurazione si rifiuta di erogare l’indennizzo.
      Ti consigliamo di controllare se c’è qualche riferimento esplicito nel contratto di assicurazione.
      Saluti.

    65. Salve LUCIANO,
      purtroppo ci sono dei tempi tecnici che se non rispettati portano alla decadenza dell’esercizio di quel diritto. Questo è il caso della mancata denuncia di un sinistro entro il termine perentorio di 60 giorni.
      Saluti.

    66. Salve CATIA,
      è necessario stipulare un’assicurazione sull’attività che andrete ad avviare, non sull’eventuale perdita del lavoro di tuo marito.
      Si tratta di “sedersi a tavolino” e contrattare con gli agenti assicuratori delle varie compagnie assicuratrici per trovare la soluzione più congeniale alle vostre esigenze.
      Saluti.

    67. Salve SARA,
      è necessario controllare nel contratto di assicurazione se ci sono delle clausole di esclusione di efficacia o di operatività della copertura assicurativa in caso di licenziamento per giusta causa o per altri motivi specifici. Solo in quel caso non potresti pretendere l’indennizzo.

      Per quanto riguarda la “scusa” del licenziamento, ti consigliamo di rivolgerti ad un sindacato.
      Saluti.

    68. Salve GIULIANA,
      bisognerebbe capire quali sono le motivazioni espresse dalla compagnia assicuratrice per rifiutarsi di pagare fino al 2011.
      Il contratto indica qualche limitazione temporale? (solo 6 mesi di indennizzo?)
      E’ necessario chiedere qualche informazione aggiuntiva all’assicurazione per valutare bene la situazione. Eventualmente, rivolgiti ad un legale.
      Saluti.

    69. Salve ALFREDO,
      bisogna vedere cosa specifica il contratto assicurativo, se si riferisce solo al contratto da dipendente o a qualsiasi attività esercitata.
      Saluti.

    70. Salve,
      Ho stipulato 3 finanziamenti cointestati con il mio convivente, tutti e 3 sono assicurati per morte, infortunio, dissocupazione e cassa integrazione ordinaria ed straordinaria. In effetti l’anno scorso mio convivente ha perso il lavoro e c’è stata la copertura di tutti e 3 i finanziamenti per causa DISSOCCUPAZIONE. Ora invece IO sono in cassa integrazione in deroga da feb 2010 fino a feb 2011 con succesiva cessazione dell’azienda e aspettavo l’uscita dei decreti ministeriali di concessione che solo da pochi giorni sono usciti. Ho contattato l’assicurazione che mi ha detto che non copre la cassa integrazione in deroga (COPRE SOLO CIG ORDINARIA E STRAORDINARIA) ma nella lettera di pagamento che ho ricevuto dell’inps la cassa integrazione viene denominata cassa integrazione straordinaria, perciò mi chiedo se sono coperta in questo caso, e quale documentazione dovrei presentare per attestare il mio stato occupazionale.
      Grazie

    71. Salve, quindi se ho ben capito, le assicurazioni sui finanziamenti coprono le rate in caso di perdita del posto.Questo fino a quando? Se il prestito è di 3 anni e uno ricomincia a lavorare dopo 4? E comunque si diventa protestati?Bisogna fare una richiesta o e tutto automatico?Grazie

    72. Salve,vorrei sapere se ci sono dei termini minimi per quanto riguarda l’assicurazione sul prestito per poterne usufruire,cioè,se io ho fatto un prestito al primo di agosto e a metà settembre l’azienda chiude o mi licenzia per riduzione del personale,sarò coperto dall’assicurazione oppure bisogna dopo aver stipulato il contratto lavorare per almeno un minimo di mesi? vivo in una situazione lavorativa barcollante ed incerta.
      GRAZIE

    73. Salve Simone,
      solitamente l’assicurazione ha copertura immediata ma l’autonomia di banche e assicurazioni è sempre molto ampia, quindi se c’è qualche limitazione può vederlo solo sul contratto o sul prospetto informativo che riguarda il suo particolare prestito.

    74. Il 17.09.2009 sono stato posto in congedo, perchè affetto da una grave patologia per la quale l’Azienda Sanitaria Locale TA/1 mi ha riconosciuto invalido civile al 100% e permanente inabile a qualsiasi attività lavorativa. Prima di congedarmi ho chiesto il rinnovo della cessione del 5° e del prestito delega entrambi coperti da assicurazione, per non parlare dei prestiti fuori busta che sono innumerevoli. Adesso percepisco una pensione di inbablità di €. 1.1100 mensili e non riesco più a pagare le finanziarie, Quello che vorrei sapere: devo contiunare a pagare o posso avvalermi dell’assicurazione prevista per tutti i contratti sopra indicati in quanto nelle clausole contrattuali è previsto il rimborso da parte dell’assicurazione in caso di invalidità permanente totale o rischio impiego.

    75. Essendo un ex operaio in mobilita’ lunga che mi accompagnera’ alla pensione
      nessuno ha voluto concedermi un prestito solo perche’ sto’ in mobilita’ ma secondo voi e’ giusto?

    76. Salve sono un giovane ke vuole aprire un’attività, solo che ho bisogni di un prestito di 15000 euro circa ma mi chiedono come garante uno dei miei genitori, ma loro nn possono…. posso usare un’assicurazione come garante?

    77. salve,

      mio padre nel dicembre 2009 ha sottoscritto un contratto di finanziamento con tanto di assicurazione. purtroppo è deceduto lo scorso settembre. Visto che mio padre mi ha sempre parlato di questo prestito e che in caso di sua morte non avvrei dovuto pagarlo grazie all’assicurazione, mi sono recato in filiale per chiedere la chiusura dello stesso. Lì però mi hanno detto che l’assicurazione non copriva il decesso, ma solo il mancato guadagno lavorativo in caso di interventi chirurgici e degenza ospedaliera. ora, siccome mio padre era pensionato e mi ripeteva sempre dell’esistenza dell’assicurazione in caso di decesso, non vedo che interesse aveva nello stipulare un prestito con un’assicurazione che sarebbe stata utile per un lavoratore “alla giornata”. quindi l’idea che mi son fatto è che sia stato frodato!! qualcuno sa dirmi cosa devo fare? i miei dubbi sono fondati? ringraziando anticipatamente, cordiali saluti

    78. Salve vorrei porle un paio di domande: se una persona è garante in un prestito, e il titolare dello stesso, perde il lavoro, le rate vengono pagate dall’assicurazione o dal garante?
      La seconda domanda è: se il titolare del prestito, dopo aver perso il lavoro, viene chiamato a lavorare tramite le liste di mobilità, per un periodo di 3 mesi, deve pagare in quel periodo le rate o le paga l’assicurazione?
      Grazie

    79. Buonasera, mi chiamo Elisabetta e volevo esporre il mio caso. Ad Aprile 2010 ho chiesto un finanziamento di 5 mila euro presso Poste Italiane con copertura assicurativa in caso di perdita d’Impego. A Luglio 2010 sono stata licenziataper giustificato motivo oggettivo, riduzione del personale. Ho denunciato il sinistro all’assicurazione e tutto’ora sono in attesa di una risposta. Volevo chiedere se devo continuare a pagare le rate del prestito o se devo aspettare un risposta da parte della Compagnia Assicurativa avendo tutti i presupposti per usufruire di tale copertura.

    80. salve sono pasquale ho un prestito con una finanziaria da poco mianno riconosciutoinvalito inps legge 222\84 sono assicurato per invalidita totale e permanente a non meno del 66xcento io sono invalido a meno di un terzo teoricamente il 67xcento ho mandato tutta la documentazione all’assicurazione che dopo un mese nonmi anno ancora risposto. Come mai l’assicurazione tedenzialmente voleva un verbale di invalidita civile con percentuale. Quando nella clausola assicurata non ne parla e mi a mandato un documento di certificati e verbali di enti preposti. Io gli ho mandato quelli che avevo dell’inps che sono molto piu restrittivi dell’invalidita civile, puo’ trovare obiezioni l’assicurazione e in base all’invalidita e altre clausole al momento posso sospendere le rate? Nel ringraziarle le invio i miei piu cordiali saluti pasquale.

    81. Ho fatto una pratica di startup e la banca mi ha voluto fare un assicurazione sul prestito in caso di decesso o invalidità…mi ha chiesto una cifra iniziale….ma che lei sappia si paga solo inizialmente?

    82. Salve sono Angelo, ho una cessione del quinto in corso e ora ho saputo di essere in cassaintegrazione e fra un paio di mesi a casa. L’ assicurazione rischio impiego di ben 1.181 euro su 18000 presi mi copre ho e tutta una bufala?

    83. Caro Angelo,
      non possiamo sapere le tue condizioni di polizza, non tutte le assicurazioni sono uguali. Dovremmo leggere il tuo contratto per capire meglio la tua situazione.

    84. @ Germano,

      le polizze infortuni con caso morte o invalidità permanente di solito sono a premio annuale.

      @ Pasquale,
      con quale compagnia hai assicurato? solitamente puoi sospendere se è prevista la facoltà in contratto. ma di sicuro devi prima leggerlo

      @ Elisabetta,
      sollecita la tua assicurazione e paga le rate. altrimenti potresti cadere in altri cavilli di difficile conclusione

      @Simona
      - il garante paga, se questo non può pagherà l’assicurazione
      - il primo debitore è sempre la persona finanziata, il garante lo può sostituire e solo dopo l’assicurazione. Nel caso di lavoro temporaneo la rata di sicuro non la paga l’assicurazione

    85. Buonasera, vi ringrazio della risposta.
      Ho letto il contratto ma non parla di sospensione rate. Per quanto riguarda l’assicurazione, cardif e centro vita n 5506 è presente anche su internet. Volevo avere maggiori informazioni sull’invalidita di cui parlavo, se devo mettere un avvocato o aspettare una loro risposta. Cordiali saluti e grazie. Pasquale

    86. Salve,
      ho stipulato circa un anno fa un contrato con una finanziaria per un prestito di 20.000 euro senza garanzie. Su questo prestito ho pagato un’assicuraizione di 1.800 euro di cui non conservo però copia contrattuale. Sono un lavoratore autonomo e attualmente mi è difficile far fronte alle rate. In questi casi l’assicurazione potrebbe essere utile? Se no, come si può rivalere la società creditrice nei miei confronti?

      Grazie in anticipo

    87. Salve! Le espongo il mio caso:mio padre era titolare di un prestito personale con polizza infortuni che assicura il Titolare o i Titolari del rapporto in caso di morte o invalidità permanente superiore al 70%,
      entrambe derivanti da infortunio. Morto per grave tumore fulminante avrebbe (o meglio avremmo noi)diritto all’esonero del pagamento del residuo debito comprensivo di interessi? Aggiungo che prima della diagnosi aveva subito un’operazione ernia addominale e non sono riusciti a capire se l’aggravamento possa essere dipeso dalla suddetta operazione.
      In attesa di una sua risposta la ringrazio cordialmente

    88. Salve ALESSIA,
      per infortunio, si intende un evento accidentale che causa un danno fisico all’assicurato. Questo evento, inoltre, deve derivare da un’azione violenta, improvvisa, causata da un fattore esterno alla persona (ad es. incidente stradale, caduta da un’altezza elevata, ecc.)
      Il fattore esterno serve poi a distinguere l’infortunio dalla malattia, dato che il danno subìto dalla persona deve avere origine non dal proprio organismo ma dal mondo esterno.
      Se non è dimostrabile che un tumore possa derivare da un’operazione di ernia addominale (ma per questo consigliamo di rivolgervi ad un medico legale), dovrete continuare a pagare il debito residuo, in quanto non si può fare affidamento sulla garanzia assicurativa.
      Saluti

    89. @Luca

      solitamente l’assicurazione dovrebbe coprire il rischio di perdita del lavoro o situazioni simili. serve la copia dei dati assicurativi per capire se esiste tale copertura e in quali casi.

      E’ un suo diritto avere copia del contratto! si rivolga all’agenzia assicurativa o finanziaria e pretenda una copia

    90. @Pasquale,
      provi ad ottenere una risposta ufficiale dall’assicurazione prima di rivolgersi ad un avvocato… almeno ha le prove su cui fondare ricorso

    91. salve sono Giancarlo. Due anni fa stipulai vari contratti di finanziamento con Agos-Ducato, Accord e varie carte di credito per la somma di circa 50000 euro.
      Chiaramente questi tipi di contratto prevedevano anche un’assicurazione obbliatoria nelle cui clausole si prevedeva il rimborso delle rate rimanenti allorquando sussistevano tutti i requisiti per l’erogazione dell’equo indennizzo residuo. Faccio presente che il 3.04.09 sono stato giudicato dalla competente ASL invalido al 100% ed inabile a qualsiasi attività lavorativa. Per tale motivo sono stato congedato e la pensione che percepisco mi consente di sopravvivere congiuntamente ai miei familiari in maniera alquanto sacrificata. Ho inviato le raccomandate A.R. alle sopracitate fianziarie, in quanto con lo stipendio che percepisco non posso più pagare le rate residue altrimenti sarò costretto all’immaginabile cioè a dover ricorrere al suicidio in quanto ho avuto una risposta dalle finanziarie che il previsto equo indennizzo non è previsto per malattie già esistenti alla stipula del contratto. Sono affetto da “Sclerosi Multipla” e non è detto che tale infermità porti all’invalidità totale come nel mio caso che la situazione di salute è andata peggiorando col tempo. Ora quello che io chiedo: è possibile fruire dell’assicurazione per l’eventuale erogazione delle rate residue in quanto nelle clausole contrattuali è previsto il rimborso per invalidità permanente totale?

    92. buona sera pasquale vi ringrazio della risposta . siete stato molto chiaro
      faro come dite aspettero evi faro sapere come andra a finire . vi ringrazio di nuovo e vi do i miei piu cordiali auguri di buon natale e felice anno nuovo pasquale.

    93. Caro Giancarlo, mi dispiace per la tua situazione economica e salutare, sono eventi spiacevoli che non si augurano a nessuno. Le assicurazioni che hai stipulato non le conosco alla perfezione.

      Posso consigliarti di farle leggere ad un buon avvocato che sicuramente saprà come interagire con le Assicurazioni.

      Buon Natale a tutti

    94. salve sono moreno.circa due anni fa stipulai con voi un prestito della durata di anni cinque.con l’insorgere di problemi economici volevo chiedere se fosse possibile fare l’accodamento di qualche rata ,e vorrei sapere come dovermi muovere per ottenerlo . in attesa di risposta porgo i miei saluti

    95. Salve, sono Carmela e ho un problema finanziario. Due anni fa ho chiesto un finanziamento che mi è stato accettato, poi avendo problemi economici ho pgfato le rate con ritardo e a tutt’oggi con rate ancora scoperte ho ricevuto una lettera in cui mi chiedono di pagare tutto l’importo del prestito entro 15 giorni altrimenti intraprendono azioni legali. Credo di aver stipulato un assicurazione per quanto riguarda la perdita d lavoro, visto che sono stata licenziata. e quindi vorrei sapere se posso chiedere di interrompere il pagamento per questo motivo. Inoltre se vengono intraprese azioni legali a cosa si va incontro? e in quanto tempo? Siate gentili a rispondermi prima possibile in quanto sono molto preoccupata per la mia situazione patrimoniale ed economica. grazie

    96. Salve CARMELA,
      solitamente la sottoscrizione di un’assicurazione non dà il diritto di interrompere il pagamento delle rate del finanziamento, anzi, le assicurazioni vengono stipulate proprio per garantire alla società finanziaria di ottenere la restituzione di tutte le somme prestate, in caso di impossibilità di restituzione da parte di colui che richiede il prestito.
      Sarebbe opportuno che ti accertassi dell’effettiva esistenza dell’assicurazione, in modo da pagare tutto il debito, in quanto in caso di inadempimento, le azioni legali eventualmente intraprese potrebbero portare all’emissione, da parte di un giudice, di un decreto ingiuntivo con il quale ti obbligano a pagare il debito entro 40 giorni dalla notifica.
      Saluti

    97. Ho fatto un finanziamento per una vettura nuova, preciso che ho presentato il modello unico come ditta, adesso ho chiuso la ditta,volevo sapere se la polizza assicurativa che ho firmato ha valore in quanto ho problemi economici. Grazie

    98. Salve Rosario,

      ha acceso una polizza assicurativa per quale copertura? perdita di lavoro?

    99. Complimenti…
      ho letto tutte le domande e tutte le V/s esaurienti risposte, però non ho trovato quella che interessava me….
      e cioè :
      dato che nella polizza sottoscritta risultano i 12 mesi di copertura io chiedevo, dato che ancora non ho ripreso a lavorare, cosa si deve fare dal 13° mese in poi ????
      questo non lo trovo da nessuna parte, però mi riferiscono, sempre verbalmente, che le direttive del governo sono quelle di rinviare il pagamento di anno in anno finchè non riprendo a lavorare….

    100. Caro Giuseppe,

      fatti dare una risposta “scritta” dall’assicurazione con cui hai acceso la polizza. Poi agisci di seguito… o tramite agenzie di gestione sinistri o tramite avvocati.

      Per tutti i lettori:

      Le polizze non sono tutte uguali quindi cercate di essere più chiari ed esaustivi! prima di accendere una polizza o di domandare qui, leggete tutte le condizioni, anche quelle scritte con carattere minuscolo!

    101. Salve, nel febbraio 2009 avevo chiesto e avuto un prestito da una finanziaria (Silf) e avevo anche stipulato l’assicurazione per copertura causa morte o perdita dell’impiego. Nel mese di marzo 2010 ho perso il lavoro e mi hanno messo in CIGS. Ho fatto denuncia di sinistro e mi hanno indennizzato solo 6 rate. Tengo a precisare che nel contratto per la disoccupazione è presente la seguente clausola “il limite massimo di indennizzo consiste in 6 rate mensili per ogni sinistro e 18 rate mensili nell’arco della durata delle garanzie assicurative”. L’assicurazione mi hanno comunicato che hanno provveduto ad indennizzare il numero massimo di rate pari a 6 previste dalla polizza assicurativa. Secondo me, in merito a quello che c’è scritto nel contratto l’assicurazione deve indennizare 18 rate e non 6. Mi viene il dubbio che mi stanno prendendo in giro. A tutt’oggi sono senza lavoro e non posso più pagare le rate…COSA POSSO FARE???Grazie a chiunque vorrà e saprà darmi un aiuto.
      Grazie mille .Pino

    102. la parola magica è “per ogni sinistro”. Significa che ti rimborsano 6 mesi ogni volta che vieni licenziato.

    103. Salve, mia madre ha stipulato all’oscuro di me e mia sorella due prestiti (un prestito e una cessione del quinto), firmando una dichiarazione in cui si diceva che era in buona salute (nonostante fosse affetta da un tumore); essendo morta da qualche mese, le compagnie ci hanno richiesto la documentazione relativa ai motivi del decesso..ovviamente la documentazione dimostra che lei era già malata..io e mia sorella abbiamo 23 e 18 anni e percepiamo una pensione mensile di circa 700 euro a testa essendo morto anche nostro padre. Non vogliamo rifiutare l’eredità per non restare senza casa. Volevo chiedervi se non c’è modo di far ripagare il debito dall’assicurazione (sono uno di 9000 euro e uno di 14000) e se dovremmo pagarlo noi, quanto possono toglierci della nostra pensione, considerando che stiamo anche pagando il mutuo del quale ci restano ancora molte rate. Grazie mille

    104. Salve avrei bisogno di un informazione ho stipulato un prestito di 25000 euro pagando un assicurazione spalmata sulle rate e ora devo fare un altro prestito e mi è richiesta un altra assicurazione sempre morte invalidita e perdita lavoro non si può usufruire della stessa assicurazione?grazie

    105. @ Laura -

      mi dispiace molto per la perdita subita in famiglia. I debiti relativi al prestito e al CQS dovrebbero essere coperti dalle assicurazioni, anche solo in parte se c’è stato dolo. Il consiglio è di farvi seguire da un buon avvocato. Per quanto riguarda alle modalità di rimborso, ricordate di contrattare sempre con le finanziarie, dovete fare in modo di decidere voi quanto e come rimborsare!!! non mollate!

      @Igor –> se stai richiedendo il prestito presso la stessa finanziaria puoi chiedere un aumento dei massimali di copertura. Altrimenti devi aprirne un’altra.

    106. salve ho questo reale problema:
      ho acquistato un’auto tramite finanziamento sava
      dato che lavoravo come agente di commercio
      tutto mi è andato bene, sino a quando un bel giorno il datore di lavoro ha voluto troncare senza giusta causa il mio mandato,negandomi anche le relative indennità,
      ora mi ritrovo con un debito di 7000 euro da onorare, nei confronti di sava, il quale non riesco più a pagare dato che mi è molto difficile trovare un nuovo mandato o impiego.
      potrei anche vendere l’auto per poter pagare il debito, ma la più alta proposta è di 2000 euro, sono stato contattato da fiat sava, prima gentilmente, poi col passare del tempo sempre meno, ora mi ritrovo in una situazione di alto stress, appena suona il cellulare mi viene la tachicardia, il mio contratto prevedeva un’assicurazione sul finanziamento, ma parlando con l’operatrice sava mi ha dichiarato che non potevo usufruire della copertura, perchè vi è la firma anche di mia madre, che prende una pensione di 480 euro al mese, e non vorrei coinvolgerla con il mio problema, visto che già arriva con sofferenza a fine mese, e non vorrei privarla anche di 200 euro al mese, ieri sono stato contattato da un ufficio esterno di sava, consigliandomi di versare l’importo o versare un assegno postdatato, per evitare l’eventuale pignoramento ed eventuale blocco della minima pensione, ora io per risolvere il problema sono costretto a recarmi a chidere soldi da fonti esterne, mischiandomi con persone che non vorrei neanche salutare, credetemi io che certe cose le ho sempre condannate sto per essere una vittima del sistemo, visto anche che lo stato italiano non tutela la mia figura professionale, vi prego di aiutarmi in un consiglio, non vedo vi d’uscita.
      grazie

    107. Salve volevo un informazione su un finanziamento. Mio padre, 67 anni, ha da circa un anno stipulato un finanziamento di 19000 euro, ma senza alcuna assicurazione. E’ possibile richiederla anche successivamente a copertura di ogni rischio che impedisca il pagamento delle rate? Credete sia meglio stipularla? E’ onerosa? Se dovesse succedere qualcosa a mio padre chi deve pagare il finanziamento? Preciso che il finanziamento, agos per l’appunto, era a firma singola, ma hanno voluto le generalità di mia madre. Grazie per il vostro servizio e buona giornata!

    108. Salve volevo un informazione e possibile rinnovare il quinto dello stipendio stando in cassa integrazione ordinaria, ci sono delle assicurazione che coprono il rinnovo?

    109. Salve, circa tre anni fa ho chiesto un finanziamento, la finanziaria mi ha obbligato ha stipulare un contratto abbastanza costoso di 3800 euro. adesso purtroppo la mia azienda ha messo in cassaintegrazione straordinaria tutti gli operai, di conseguenza non riesco piu a pagare la rata che è alta ( 390 euro mensili) ho aperto il sinistro con l’assicurazione, ma loro mi dicono che copre solo in caso di fallimento dell’azienda o di licenziamento.Sul contratto c’è scritto ” PERDITA INVOLONTARIA DEL POSTO DI LAVORO” perchè non è specificato cassaintegrazione o mobilità. Loro non erano in dovere di farlo? Posso attaccarmi a questo con l’aiuto di un legale. Grazie e arrivederci.

    110. Salve Giuseppe,
      la cassa integrazione è una misura straordinaria che solitamente non viene ricompresa nelle cause di perdita di lavoro, le quali invece si riferiscono ai motivi tradizionali, come ad esempio il licenziamento.
      Le assicurazioni che operano in tali circostanze riportano espressamente delle clausole che richiamano la cassa integrazione o la mobilità come condizioni per ottenere il risarcimento del danno.
      Tuttavia, consigliamo di far esaminare la questione da un legale.
      Saluti.

    111. Salve, sono Salvatore, avrei un urgente bisogno di una consulenza.
      Il 4 Novembre 2010 ho stipulato un contratto di prestito con Neos Finance comprensivo di una assicurazione con EurizonVita. Ora ho richiesto il riepilogo per estinguere il prestito anticipatamente, ma non è previsto lo STORNO dell’assicurazione, o meglio il sistema non lo consente perchè a detta di alcuni incaricati, la legge è cambiata e soltanto per i contratti che partono dal 1 Dicembre 2011 è previsto lo storno, per tutti quelli prima non è previsto alcun rimborso e in pratica si perdono i soldi dell’assicurazione.
      Sul contratto di finanziamento, c’è scritto “In caso di estinzione anticipata del finanziamento, avrà termine il mandato all’incasso a favore di Neos ma la polizza manterrà efficacia fino alla naturale scadenza del finanziamento”.

      Questo che vuol dire? Che non ottengo lo storno ma l’assicurazione resta valida? A copertura di cosa, visto che il finanziamento cessa di esistere?

      Purtroppo nessuno è riuscito a darmi una risposta adeguata, chiedo a voi di aiutarmi e/o di indirizzarmi su un giusto canale per ottenerla. Vorrei sapere, in pratica, se mi spetta lo storno dell’assicurazione o se la polizza resta valida a copertura di…(cosa?).

      Grazie.

    112. Buongiorno Salvatore,

      la polizza non è stornabile ma rimane valida a copertura del rischio di perdita di lavoro o cmq a copertura dell’oggetto della tua assicurazione.

      La copertura non è il finanziamento ma un evento che crea il sinistro… solitamente la perdita di lavoro

    113. salve
      vorrei porvi una domanda.
      l’antefatto è il seguente: mio suocero ha stipulato nel 2008 (assieme ad un coobbligato) un finanziamento con una società per l’acquisto di un bene (un camper) , che poi ha ceduto per acquistarne un’altro. al momento della stipula aveva compiuto 66 anni. purtroppo, nell’ottobre del 2010 è deceduto. la finanziaria non ha fatto nessuna (per ora) richiesta ai legittimi eredi (i figli) ma nel frattempo la persona coobbligata (amica del deceduto, ma indicata sul contratto come compagna) si è vista negare un prestito causa insolvenza di mio suocero. nel contratto di finanziamento in nostro possesso non sono indicate garanzie sul prestito, nè si fa menzione di assicurazioni in caso di invalidità, morte ecc. del contraente.
      la mia domanda è questa: è lecito che una finanziaria possa concedere un prestito ad un pensionato di oltre 66 anni (rata prestito 158 euro a fronte di una retribuzione di 560 euro mensili !!!), anche se in presenza di un coobbligato (spacciato per compagna, che attualmente vive in germania) senza obbligare il richiedente a stipulare una assicurazione sul rimborso? inoltre, vi sono, a vostro parere, irregolarità palesi da parte dalla finanziaria che sollevino gli eredi (ed il coobbligato) dal pagamento delle rate residue?
      scusate la prolissità e grazie per la vostra cortesia

    114. ho dimenticato una cosa importante: ho saputo che è obbligatorio, per le finanziarie, assicurare i prestiti dati dietro cessione del 5° dello stipendio. ma come posso sapere se il finanziamento avuto da mio suocero era stato concesso dietro cessione del 5°?
      grazie ancora

    115. Salve,

      nel contratto è indicato chiaramente se si tratta di prestito o cessione del 5°. La cessione del quinto è un’operazione particolare e prevede un prelievo diretto dalla pensione. Per quanto riguarda l’assicurazione, se non è indicato nulla, deve assicurarsi di avere il contratto completo ed eventualmente chiedere alla finanziaria su eventuali documenti mancanti. In giro c’è di tutto, così non è possibile capire se ci sono irregolarità oppure no… anche perchè il contratto è stato firmato e quindi si presume che il cliente lo abbia letto interamente. Un bel cavillo.

    116. Nel 2010 ho sottosritto un prestito di cui mio marito è garante. Oggi ho un cancro e sono invalida al 100 % e inabile temporanea totale al lavoro, sono un dipendente pubblico. L’assicurazione può coprire qualche rate o per il fatto che ci sai mio marito come garante ciò non è valido?

    117. Buongiorno,

      ho un cliente che ha contratto un prestito personale con la firma del garante (sua moglie); quest’anno purtroppo il contraente è deceduto. La mia domanda è questa: il garante deve necessariamente pagare il prestito pur essendo garantito da assicurazione?
      grazie

    118. @Giovanna, Ciao, devi vedere se il prestito è corredato anche da assicurazione contro malattie e altro! in base al tipo di assicurazione puoi vedere quante rate sono coperte e altri elementi. Deve esserci il tutto nel contratto!

      @Luca, se esiste l’assicurazione, il garante è obbligato a versare le rate solo fino a quando l’assicurazione non ha liquidato il sinistro. In tal caso, il garante verrà rimborsato di quanto dovuto.

    119. Salve,sono un ex Militare di carriera,ho attualmente tre cessioni del quinto in corso,ma purtroppo l’anno scorso ho scoperto di avere il cancro e la mia amministrazione ad aprile del 2011 mi ha congedato per inabilita assoluta al lavoro. Dovrò percepire la pensione in base a quanto ho già versato di contributi quindi una miseria, avendo stipulato per i tre prestiti l’assicurazione come posso fare per usufruirne?? Grazie.

    120. Salve,

      l’assicurazione si attiverà in seguito al sinistro. Quindi devi portare a conoscenza la finanziaria e le assicurazioni di ciò che ti è successo. In tal caso si avvia l’iter per il pagamento del sinistro.

      Mi dispiace per la tua condizione di salute

    121. Ti ringrazio sinceramente sia per l’informazione sia per l’interessamento alle mie condizioni,Vincenzo!

    122. Ciao, non posso piu’ pagare un prestito personale, sono dipendente ente pubblico e per problemi economici non posso pagare. C’è un’assicurazione che potra coprire il debito? grazie

    123. Salve,
      Avrei una domanda: proprio ieri hanno accettato la richiesta di prestito a mio marito, di 3000 euro, quindi una cifra bassa. Specificando che e’ dipendente statale, quindi piu’ difficile che perda il lavoro rispetto al dip. privato, posso fare la disdetta dell’assicurazione, visto che e’ specificato che si puo’ recedere dal contratto entro un mese dalla stipula a mezzo raccomandata?
      In questo caso ci rimborsano l’importo previsto e gia’ conteggiato?
      Vi ringrazio!
      Saluti

    124. @ Angela: oramai mi sembra tardi!

      @gisa: si puoi recedere dal contratto di assicurazione, però non ti rimborsano tutto. Inoltre devi informarti se il prestito è vincolato alla presenza di tale polizza.
      Io consiglio sempre di stipularla, perché in questi periodo difficili può accadere di tutto. Risparmiare ora 100 euro può essere uno sbaglio costoso.

    125. Buongiorno, mio suocero ha un finanziamento con la santander con la copertura assicuratrice che comprende tutto. E’ caduto sul lavoro causandogli il schiacciamento dei 2 anelli (l2)e si deve operare urgentemente per non perdere l’uso delle gambe. L’assicurazione deve pagare al posto di mio suocero le rate visto che è un infortuno sul lavoro? Vorrei dei consigli, grazie

    126. Tre anni fa ho preso un finanziamento con regolare assicurazione per perdita d’impiego. Ho pagato le rate regolarmante poi ho perso il lavoro un anno fa e ho fatto richiesta all’assicurazione per le rate rimanenti ma loro hanno respinto la domanda perche il motivo era che ero stato assunto dalla ditta a tempo indeterminato di 18 mesi. Mi sono rivolto ad un avvocato che mi ha consigliato di lasciare perdere e pagare, non so come dato che sono ancora disoccupato. La domanda e questa, perchè mi hanno dato il finanziamento e fatto pagare l’assicurazione dato che loro sapevano che il lavoro era a tempo indeterminato? Grazie

    127. salve sono giusy

      questa è la mia domanda

      nel febbraio 2007 mio marito invalido al 100% ha richiesta alla bpm un prestito per € 7.000, 00 per una durata di 5 anni. tale prestito è stato concesso ed annesso al finanziamento hanno fatto sottoscrivere una polizza assicurativa. (la bpm era ha conoscenza della situazione di salute di mio marito), io ho fatto da garante.
      nel marzo 2008 sempre mio marito ha richiesto alla BPM di ampliare il prestito di 4.000,00 . la BPM cosa ha fatto:
      ha concesso il finanziamento di 4.000,00 ma ha fatto sottoscrivere a mio marito un finanziamento di 10.000,00 (in quanto hanno estinto il vecchio prestito e rifatto uno nuovo per un importo totale) però senza far sottoscrivere la polizza assicurativa.
      è stato correto, la bpm non doveva far stipulare l’assicurazione o finanziare un importo minore
      grazie

      giusy

    128. @elpidio: si l’assicurazione dovrebbe coprire le rate, almeno finché non sarà possibile riprendere a lavorare

      @ luigino … non ho capito se sei un lavoratore a tempo DETERMINATO o INDETERMINATO. Nel primo caso l’assicurazione ti copre solo le rate corrispondenti alla durata del contratto.

      @giusy – sicuramente è stato un comportamento poco corretto. E’ cmq possibile integrare in ogni momento un’assicurazione contro infortuni/morte anche con compagnie diverse

    129. Salve , ho un gran bisogno del suo parere in quanto circa 3 anni addietro mio marito ci ha lasciato improvvisamente e aveva un prestito assicurato con la sua banca. Nell’arco di pochi giorni un mio parente ha inviato tutta la documentazione necessaria per attivare l’assicurazione perchè estinguesse il debito dandomi quindi la possibilità di chiudere il conto di mio marito in quanto le spese bancarie continuavano a crescere e la banca per tre mesi si era trattenuta tre rate che poi io ho coperto con un versamento. Nonostante le mie svariate telefonate all’assicurazione non mi davano nessun ascolto,dicendomi che il contraente era la banca .Solo adesso finalmente hanno coperto il debito, ma non hanno incluso gli interessi maturati durante il loro ritardo e la banca li chiede a me ( circa 6000 euro ). Mi è stato detto che possono provare a farli stralciare ma non posso pretendere anche il rimborso delle rate che ho pagato dopo il decesso (oltre 1500 euro ) Il debito era nettamente inferiore a quanto poteva coprire l’assicurazione, quindi il motivo non è neanche questo.
      In banca mi hanno detto che l’assicurazione sostiene che io avrei dovuto continuare a pagare per tutto il tempo del ritardo e che quindi non rispondono degli interessi…
      A me sembra un’eresia,le assicurazione servono anche per non far gravare i debiti sulla famiglia…Lei che ne pensa ?
      E’ normale che la banca abbia incassato 3 rate da me e ora le stesse rate anche dall’assicurazione la quale ha pagato dal momento del decesso ? Devo ringraziare e rinunciare al rimborso delle stesse nonostante non mi tocchi pagare gli interessi di un ritardo dell’assicurazione ?
      Grazie

    130. Salve….Com’è possibile che non trovo più la mia richiesta dopo averla letta più volte ?????
      Sono entrata per vedere se trovavo la risposta ma non c’è più neanche la richiesta …Come mai ?
      Grazie

    131. Ehm…! Trovata :)

    132. Salve Loredana,

      mi dispiace per la perdita di suo Marito e per le incredibili situazioni che bisogna affrontare nonostante il dolore. I cavilli delle clausole sono spesso a favore delle assicurazioni e il tempo e il costo che ci vuole per combatterle spesso scoraggiano chiunque. La situazione più semplice sarebbe quella di non richiedere il rimborso di 1500 euro se la banca stralcia gli interessi. Se invece gli interessi non saranno stralciati, allora dovrebbe affrontare il tutto con un avvocato, che sicuramente è più preparato di me sul campo.

      Saluti

    133. La ringrazio…So che la soluzione più semplice è questa, ma mi sentirei uno zerbino perchè è la più semplice ma non quella giusta , a mio parere…Metterò tutto in mano all’avvocato che è già al corrente di tutto , anche del fatto che la banca li esige da me perchè intentare una causa contro l’assicurazione è lungo e dispendioso…In pratica meglio sopraffare il “pesce piccolo” e così mi sentirei se accettassi ! La mia richiesta era ed è sapere se sono nel giusto, appurato questo le dirò che incamminarmi una strada lunga e tortuosa per una giusta causa non mi spaventa…
      Grazie

    134. Salve Loredana,

      io ho dato un parere “oggettivo” che naturalmente si interpreta diversamente da chi vive tale situazione.
      Dalle sue parole sembra che lei abbia ragione…

      Non mi rimane che Augurarle la migliore soluzione per lei.

    135. salve,volevo chiedere se è possibile che su un prestito di 9000 euro utilizzato per estinguere il conto con un’altra compagnia io debba pagare 4000 euro in più tra assicurazione e costo del finanziamento

    136. Ho letto nelle clausole assicurative del prestito che essa non era valida per malattie preesistenti al momento della sottoscrizione del contratto con tutti i suoi seguiti e conseguenze…..La mia domanda è la seguente: come conseguenza è incluso anche il decesso??

      Nel caso in cui bisognerà continuare a pagare è possibile chiedere una modifica della rata per mancanza di denaro sufficiente a coprire tali debiti che sono stati ereditati?

      Please è urgentissimo

    137. Gentile Ilaria,

      penso che lei possa chiedere la rinegoziazione del debito con una nuova rata e prima di firmare, legga tutto attentamente.

      Il decesso è solitamente considerato una conseguenza di una malattia già riscontrata.

    138. Salve
      Davvero interessantissimo questo blog.
      Ho sottoscritto una polizza ad eventuale copertura del finanziamento qualora si verificasse il caso di perdita di lavoro.
      Purtroppo la mia azienda è entrata in crisi e ho un problema serio essendo la rata del finanziamento di 600 euro mese. Mi spiego: La mia azienda da 4 mesi non paga gli stipendi ed io vorrei dare le dimissioni per giusta causa che dalla giurisprudenza sono equiparate al licenziamento (dall’inps anche). il contratto che ho sottoscritto con l’assicurazione parla pero in questi casi solo di Licenziamento (generico senza aggiungere altro). esclude nel contempo la dimissioni volontarie come fattispecie che fa scattare la copertura ma niente si sostiene con riguarda le dimissioni per giusta causa…se la copertura scattasse io mi dimetterei e mi metterei a cerca altro lavoro ma con la sicurezza che il prestito verrebbe intanto pagato regolarmente dall’assicurazione altrimenti sono costretto praticamente a rimanere o ad andarmene ma a pagare il prestito pur non ricevendo mensilita’. Grazie davvero per la risposta

    139. Salve,
      caro amministratore nel gennaio 2006 ho fatto una cessione quinto di circa 11500 euro 173 euro rate per 120 mesi. Nel gennaio 2007 l’azienda viene posta in commissiariato e la busta paga cessa di esistere, ho pagato 1300 euro di assicurazione rischio impiego e 400 richio vita alla VITTORIA ASSICURAZIONE, nel maggio 2010 senza che io abbia fatto niente l’assicurazione salda il tutto, per poi mandarmi nel Ottobre 2010 tramite una cessione di credito ad altra assicurazione una lettera di messa in mora per scoperto di 15000 euro.
      Domanda la prescrizione di rivalsa dell’ assicurazione da quando viene calcolata dal denuncia di sinistro o dalla pagamento dell’assicurazione alla Banca?

      Domanda n.2 nel caso io abbia un altro lavoro ma in cigs presso altra azienda cosa possono fare?

      L’assicurazione non sa nulla dell azienda in cui mi trovo e da ottobre 2010 non l ho mai sentita sia per lettera che per tel

      se passa un altro anno va tutto in prescrizione la rivalsa?

      GRAZIE!!

    140. AAHH dimenticavo ho telefonato alla Banca unicredit nell’OTTOBRE 2010 e dice che per loro è tutto ok che l’assicurazione ha saldato il tutto 14380 euro.

      Ora perchè Vittoria assicurazione non manda lei le raccomandate ma un altra assicurazione srl consulenza di Faenza (non dico in nome) con importo di 600 euro in piu’ e poi perchè dovrebbero applicare interessi se non sono una finanziaria? tutto questo un anno fa dovrei aspetarmi altre raccomandate?

      Chi a detto a loro di attivare il tutto ? visto che c’erano dei commissari a gestire il tutto?

      Grazie aspetto risposte

    141. Ciao sono Giovanni, volevo un consiglio in merito ad una rata in corso. Mi trovo in difficolta di pagamento, per motivi di lavoro diminuito e mia moglie ha perso l’impiego. Avevo chiesto aiuto alla finanziaria di venirmi incontro diminuendomi la rata che è molto alta, ho avuto netto rifiuto, volevo sapere se l’assicurazione può aiutare in caso di mancanza fondi e a cosa si va incontro se i pagamenti non saranno più regolare e più bassi. Grazie e cordiali saluti.

    142. @Pasquale, il tuo caso è delicato e sinceramente penso che se ti licenzi non puoi ricevere la copertura. E’ una definizione sottile che potrebbe causarti problemi

      @Gianluca, la tua situazione è strana. Penso che il diritto di rivalsa non doveva essere applicato, altrimenti che assicurazione è? Io direi che dovresti metterci un buon avvocato.

      @Giovanni, non penso che l’assicurazione standard possa coprire le tue esigenze. Se paghi meno o non paghi le rate diventi moroso e la banca ha 2 strade: o ti contatta per rielaborare la rata con un nuovo piano di rimborso oppure si avvia la procedura di recupero crediti.

    143. Salve, se possibile vorrei avere informazioni in merito ad un prestito richiesto da mio padre nel 2009, il prestito era di 16.000 euro da restituire in rate da 289.00 euro x 72.Il prestito era coperto da assicurazione e mia madre è garante, questo prestito è stato concesso sulla pensione di mio padre che era di 560,00 euro e quella di mia madre di solo 256 euro. ora purtroppo mio padre è deceduto a gennaio, e mia madre è impossibilitata a pagare in quanto la pensione sociale che percepiva è stata tolta, e la reversibilità e soli di 300 euro. il prestito che era coperto da assicurazione non è stato estinto da quest’ultima e perciò sono sta contatta da recupero crediti,. il mio problema è che mia madre è proprietaria di monolocale di 40 m scarsi dove vivo io lei e mia figlia di 6 anni, cosa può succedere in caso che l’assicurazione non copra il debito? premetto che l’assicurazione doveva pagare in ogni caso di morte. Spero in una vostra risposta grazie anticipatamente.

    144. Salve Anna,

      perché l’assicurazione non ha pagato? vi è stato spiegato il motivo? ha provato a chiedere il pagamento?
      Come è morto suo padre? malattia o incidente?

      In ogni caso è utile contrattare con il recupero credito e spiegargli la situazione. Cerchi di farsi ridurre la rata e allungare la scadenza. Se alla fine, non si riesce a trovare una soluzione, si potrebbe rischiare di procedere alla vendita all’asta del monolocale per recuperare il debito non pagato.

      Ma io punterei sull’assicurazione…

    145. Ecco mio padre è morto di setticemia e polmonite dopo un mese e mezzo di ospedale…il contratto con l’assicurazione e la finanziaria è stato stipulato nel 2010, senza richiesta di nessun certificato medico, allora mio padre era affetto da cardiopatia ipertensiva…L’assicurazione ha detto che non paga, in quanto mio padre era affetto da cardiopatia dilatativa (quando mio padre è entrato in ospedale aveva il cuore dilatato,dopo la stipula si è aggravato) ma la causa di morte è un’altra..prima del ricovero, stava benissimo,in ospedale il patatrack…

    146. Cara Anna,

      la tua situazione è tragica e mi dispiace tantissimo. L’assicurazione ha sicuramente il diritto a non pagare anche se doveva richiedere almeno un’autocertificazione sullo stato di salute del contraente. Sicuramente tuo padrà avrà compilato un questionario e altro.
      Parla con il servizio riscossione crediti per trovare una soluzione migliore a livello di scadenze e rate.

      Non so come poterti aiutare.

    147. Di nuovo salve.Ho visto per bene il contratto, un contratto a detta del medico fasullo, in quanto mio padre ha firmato sul contratto della finanziaria di aderire all’assicurazione,sempre il medico mi ha fatto notare che mio padre in realtà non ha mai dichiarato il suo stato di salute…questo è quello che c’è scritto:
      dichiaro di aderire al programma assicurativo, di non essere stato/di essere stato affetto da malattie gravi o acute ecc…è proprio su questo che dovrei rivalermi…non lo so sono incasinata e il recupero crediti sta procedendo…l’assicurazione ha detto sempre che mio padre ha mentito dichiarando di non soffrire di tali patologie, ma a me sembra non essere il caso di mio padre, non c’è stata nessuna scelta da parte sua…….ah cmq non c’è stato nemmeno un questionario, niente di niente…

    148. Salve, avrei bisogno di qualche delucidazione e/o consiglio.
      Ho chiesto sei anni fa un prestito personale in banca, coperto da assicurazione. Ho sempre pagato, ma ora la ditta per la quale lavoravo, con contratto a tempo determinato, ha deciso di ridurre il personale. Visto che era l’inizio dell’estate mi sono adoperata per trovare un altro posto di lavoro e sono riuscita a lavorare, con contratto di somministrazione, in un camping. Finito anche questo ho comunicato alla banca la mia situazione e sono stata indirizzata all’assicurazione per chiedere la copertura del prestito, contemplata nelle clausole del contratto con l’assicurazione. Mi dicono però che non copriranno le rate del prestito in quanto l’ultimo lavoro era, appunto, a tempo determinato e quindi ” a fine certa”. Com’è possibile? Ringrazio in anticipo.

    149. @Anna — sicuramente suo padre ha firmato senza leggere il contratto
      @Maria — anche per lei le consiglio di leggere il contratto e specialmente le clausole che limitano la copertura. Non è semplice darvi un consiglio senza sapere ciò che si è firmati.
      Ricordate sempre di chiedere preventivamente una copia del contratto e di leggerlo con calma prima della firma!

    150. Salve. Ho acquistato un’auto nel marzo 2008 firmando la polizza assicurativa compass che copre incidenti gravi, morte e perdita del lavoro. Sono stato licenziato dall’azienda il 31 ottobre (due giorni fa), e ho ancora 40 rate da pagare.

      Cosa posso fare? L’assicurazione del prestito mi copre le rate in scadenza finché non trovo un altro lavoro? Oppure solo le sospende?

      Grazie mille

    151. salve,
      vorrei chiedervi un informazione.
      Quando vengono “accesi” finanziamenti o prestiti con una copertura assicurativa, successivamente non si ha più un lavoro e quindi la possibilità di pagare, l’assicurazione si attiva in automatico o deve essere l’interessato a farlo? C’è un tempo limite per poterlo fare?
      grazie

    152. Le assicurazioni si attivano con la denuncia del sinistro alla stessa. Per i limiti temporali e di mesi di copertura dovete leggere il contratto.
      Dipende dai vari contratti, non sono tutti uguali

    153. Salve,
      attualmente ho un contratto a tempo indeterminato come commessa,vorrei richiedere un prestito di 10,000 euro ad una finanziaria sottoscrivendo la polizza assicurativa per coprirmi contro un eventuale licenziamento futuro,mi sa dire in caso di licenziamento precisamente cosa accade:

      1)il finanziamento viene estinto dall assicurazione e io non devo piu pagare nessuna rata?
      2)se io entro in status di disoccupata con sostegno al reddito e percepisco la disoccupazione sono tenuto a pagare le rate???
      3)Dovessi ritrovare un lavoro ipoteticamente dopo 12 mesi che succede?ormai il finanziamento è estinto oppure devo riniziare a pagare?

      Grazie mille e saluti

    154. Salve, avrei bisogno di un informazione:
      mi trovo con dei prestiti e relative assicurazioni di copertura. Ora, per problemi alla salute sono in situazione di invalidità civile.
      Ho presentato il sinistro di invalidità alle relative banche e assicurazioni di copertura prestiti e c’ è stata un’ assicurazione che mi ha detto che per rispondere al sinistro dovrei avere un’ invalidità minimo del 74%, che è il minimo per avere un’ assegno di invalidità: io avendo il 50% ho solo diritto ad essere iscritto alle liste di collocamento per il lavoro.
      Vorrei sapere: le assicurazioni non devono rispondere ugualmente al di là della mia % d’ invalidità?
      Consideriamo che io non ho ne lavoro ne altre entrate;
      cioè impossibilitato a fare qualsiasi pagamento.
      Saluti e grazie

    155. Salve, vorrei sapere se le assicurazioni sui prestiti coprono nel caso in cui una persona perda il lavoro fisso e si iscriva nelle liste di mobilità e, attraverso il collocamento, riesce a lavorare a tempo determinato? In questo casi si risulta comunque disoccupato a tutti gli effetti e naturalmente si percepisce lo stipendio.
      Grazie

    156. salve,
      vorrei un aiuto a capire.
      nel 2006 ho riscontrato un prestito con una finanziaria. Ho iniziato a pagare normalmente le rate ma dopo un pò di tempo l’azienda presso cui lavoravo è fallita. Nel 2008 La finanziara si fece rivalere dall’assicurazione che pagò il residuo ma contestualmente succedeva che la finanziaria otteneva il parere favorevole allo stato passivo dal giudice per ottenere il tfr che mai è stato rimborsato ne a me e ne alla finanziaria e nel frattempo….la finanziaria falliva!!!!
      Ora Novembre 2011 l’assicurazione mi chiede il rimborso forfait del 20% della somma restante per chiudere la pratica.
      Premetto che sono disoccupato da 5 anni.
      Cosa dovrei fare? Devo pagare l’assicurazione?
      Posso sperare di ottenere ancora il tfr visto che la finanziaria è fallita?
      grazie mille

    157. Salve, avrei bisogno del Vostro aiuto. Nel 2006 ho contratto un finanziamento con Fiditalia, di cui ho sempre pagato le rate, comprensive dell’assicurazione sul credito, nel 2009 ho perso il lavoro causa chiusura dell’azienda, ho chiesto alla Fiditalia cosa dovevo fare, ho contattato l’assicurazione e spedito tutta la documentazione che mi hanno richiesto tramite raccomandata AR. Dopo alcuni mesi ho ricevuto da Fiditalia la richesta di pagamento delle rate arretrate, li ho contattati spiegando che avevo inviato la richiesta all’assicurazione, che mi hanno detto di ricontattare. Dopo vari tentativi sono riuscita a parlarci per telefono, hanno controllato la pratica confermandomi che avevano ricevuto la documentazione e che avrebbero mandato avanti il tutto.
      Dopo questo non ho ricevuto più alcuna comunicazione nè da Fiditalia nè dall’assicurazione, consideravo quindi chiusa la questione. Nel Frattempo ho cambiato città (ma ho continuato a ricevere la posta fino ad aprile scorso) ed oggi bussa alla mia porta un “recuperatore del credito” che tralaltro ha parlato con il mio compagno perchè non ero in casa, “spiegandogli” che non avevo pagato un finanziamento e che era lì per riscuotere il debito!! Mi ha lasciato il suo nr. di tel.
      Per favore, mi potete aiutare.
      Io ho conservato tutta la documentazione.
      Cosa devo fare?
      Grazie mille

    158. Ho appena finito un anno di cassa integrazione straordinaria. Sto pagando da quattro anni un muto coperto da assicurazione e scopro solo ora che potevo chiedere l’indennizzo dall’assicurazione. Però dovevo chiederlo entro sessanta giorni dal verificarsi del sinistro. Adesso che la CIGS è finita e quindi è passato un anno dal verificarsi del sinistro, c’è qualche possibilità che io possa chiedere l’indennizzo che mi spettava?

    159. @ per tutti: non tutti i contratti sono uguali, alcuni hanno franchigie più o meno alte e altri escludono casi particolari come CIGS o Fallimenti ecc ecc.

      So che sono momenti difficili, ma la cosa migliore è “trattare”. Oggi tutti hanno bisogno di soldi, sia noi che le banche… quindi trattare è la cosa migliore.

      Rileggete con calma il vostro contratto e fate valere i vostri diritti. Se un errore è stato fatto, è dipeso anni fà al momento della stipula dell’assicurazione.

    160. Vorrei sapere se posso annullare l’assicurazione sul prestito in corso dato che la mia è facoltativa. Grazie

    161. ciao sono Claudia,ho scoperto oggi il vostro blog,interessantissimo!!!!!
      volevo porvi il mio problema,nel 2008 ho richiesto un prestito personale,della quale ho pagato sempre regolarmente,in giugno dell’anno scorso,quindi 2011,il supermercato dove lavoravo ha chiuso,da qui è partita la disoccupazione,che scade in febbraio 2012,il mio problema inizia qui,dal momento che per questi ultimi 2 mesi percepisco il 60% di disoccupazione non riesco più a coprire le rate in banca in quanto ho anche un affitto da pagare,e sembrerebbe che purtroppo non è così semplice trovare un’altra occupazione,sono andata nella banca dove hanno erogato il prestito per sapere se l’assicurazione mi copriva d’ora in avanti,premetto che leggendo il contratto scrive che sono coperta in caso di disoccupazione,la mia banca ha risp. che doveva informarsi,e così è stato fatto,ieri mattina mi hanno chiamata per dirmi che l’assicurazione non copre perchè al momento che mi hanno concesso il prestito avevo un contratto di lavoro di APPRENDISTATO,e quando sono rimasta senza lavoro avevo un contratto a tempo DETERMINATO,questa cosa mi sembra un pò strana,alla fine risulto cmq disoccupata a prescindere dal tipo dei contratti,potete aiutarmi a capirne di più? questa cosa potrebbe essere vera? mi fermo qui,ringraziandovi anticipatamente per l’attenzione,e se possibile per una risp quanto prima

    162. Nonostante sono stato licenziato, ho sempre pagato le rate del mio prestito, adesso ho chiesto che l’assicurazione mi rimborsarse qualcosa; ma mi hanno risposto che il licenziamento e’ avvenuto nel periodo di carenza. C’e’ qualcosa che io possa fare?

    163. Ho perso il lavoro come tanti in questo periodo ho in corso un prestito dova ho un assicurazione. Ho spedito in raccomandata tutto cio che mi hanno chiesto vorrei sapere se devo spedire ogni mese un documento che certifichi la mia disoccupazione e se questa assicurazione copre il restante periodo (6) mesi di rate. Grazie

    164. @Maurizio: se è facoltativa puoi disdire alla fine del primo anno

      @claudia: penso che dovresti approfondire meglio le clausole e che un avvocato può farti comodo

      @se ti hanno licenziato all’interno del periodo di carenza non puoi fare nulla, quando hai sottoscritto il contratto dovevano dirtelo… ma siccome hai sottoscritto, non puoi appellarti! mi dispiace

    165. @nicola: se tutti i requisiti sono soddisfatti dovresti avere la copertura per tutti i 6 mesi. Per l’invio dei documenti non saprei dirti, visto che ci sono diverse prassi. Devi informarti con la tua assicurazione.

    166. Quattro anni fa ho chiesto un prestito alla compass ho sempre pagato. Ora mi rimancono ancora 3 anni ma sono stato licenziato non posso piu pagare , la compas mi ha detto che posso postecipare una rata per 5 volte , ma io non so se trovo occupazione. Posso congelare per un anno il prestito ?
      grazie rafael

    167. Salve,

      queste condizioni le deve discutere con la compass… noi non possiamo darvi supporto su questo

    168. Salve

      Mio padre aveva stipulato un finanziamento per l’acquisto di un automobile, purtroppo e’ deceduto. Il finanziamento ha l’assicurazione in caso di decesso, io ho gia’ contattato la societa’ ed ho inviato tutta la documentazione che mi hanno richiesto. Nel frattempo mi hanno chiamato a casa una societa’ di recupero crediti, che mi dice che devo pagare una rata insoluta (scaduta dopo il decesso) altrimenti la pratica per l’estinzione del finanziamento da parte della assicurazione non parte. Non ho trovato il contratto stipulato da mio padre, la societa’ e’ la Sava. Cosa dovrei fare, devo pagare la rata oppure verra’ estinto tutto tramite assicurazione? Grazie

    169. Buona sera….
      Sono dipendente di una ditta esterna nel porto di Gioia Tauro dove è stata dichiarata la cigs a zero ore, con un rientro operativo mensile con un massimo di 50 ore lavorative.
      Avendo una cessione ed una delega posso congelare i pagamenti finchè l’azienda torni operativa al 100%…?
      Pago un affitto di 300 euro, nucleo famigliare di tre persone di cui bimbo di 3 anni e la somma di entrambe le trattenute e di 490 euro….
      Consigliatemi cosa e come posso procedere…
      Nell’attesa vi porgo distinti Saluti…

    170. @Aldo: dovresti pagare l’ultima rata e poi te la rimborsano

      @michele: non saprei risponderti, dovresti controllare le indicazioni della tua copertura assicurativa

    171. volevo chiedere in caso di estinzione anticipata (dopo aver pagato 5 rate su 60), si puo’ richiedere il rimborso dell’assicurazione (360euro su 7.200.00) di finanziamento?

    172. Salve Nicolo’,
      non dovrebbe essere consentito poiché di norma le assicurazioni prevedono un minimo di versamenti oltre i quali possono essere riscattate parzialmente le rate precedenti.
      Solitamente questi dettagli sono evidenziati nel contratto, per cui dovresti cercare nelle condizioni contrattuali in tuo possesso se il capitale finora versato potrebbe andar perso nel caso tu non dovessi più proseguire nel pagamento.
      Saluti.

    173. Buongiorno, mio figlio a settembre 2011 ha ottenuto un prestito di €5000,00 con Agos Ducato con relativa assicurazione avipop x morte, malattie e perdita di lavoro.purtroppo ieri ha ricevuta la raccomandata di licenziamento per mancanza di commesse. La mia domanda è:deve pagare le restanti rate di € 101 oppure no? Grazie

    174. Contemporaneamente all’estinzione del precedente ho aperto un nuovo prestito postale, sottoscrivendo e pagando quindi anche una nuova assicurazione. Avendo estinto tutto il precedente (vecchio prestito + vecchia assicurazione) dovrei avere il rimborso del vecchio importo di assicurazione per le annualità non fruite (nel mio caso 4 su 7).
      Se così non fosse, andrei sia a pagare la nuova assicurazione del nuovo prestito, sia allo stesso tempo continuerei a pagare 4 anni di copertura assicurativa per un prestito che non esiste più. E’ corretto?

      Ringraziando anticipatamente porgo cordiali saluti.
      Gianni

    175. @Gianni,

      si dovresti chiedere la sospensione della vecchia polizza

    176. salve mi chiamo felice e vorrei sapere dei chiarimenti su una polizza assicurativa.il problema riguarda mio suocero che va a chiedere un prestito personale di euro 9300 alla compass S.p. A., dopo aver stipulato il contratto mi accorgo che oltre 9300 + interessi maturati , viene aggiunto una polizza assicurativa di euro 1020.Incuriosito di questo contratto vado a chiedere spiegazioni alla compass, mi dicono che nonostante non è obbligatorio stipulare una polizza assicurativa, la dovevo fare per forza, in tal caso non veniva accettato il finanziamento, perchè la compass vuole garanzie in caso di decesso del richiedente, nei confronti di altri terzi, va bene mi domando, siccome non io non mi arrendo mai, contatto la europ assistance, la compagnia assicurativa che collabora con compass S.p.A, e il quale è stato stipulato il contratto per proteggere il finanziamento in caso di decesso del richiedente.
      mi risponde la sig.ra LO presti alessandra non che la responsabile di europ assistance e mi riferisce che, non solo la polizza stipulata è una polizza sanitaria, ma lo cosa bella è che l’assicurazione europ assistance non hai mai venduto prodotti assicurativi inerenti al prestito personale, questo significa che mio suocero tutto ciò a stipulato una polizza senza nessuna informazione, si ritrova anche

      in caso di decesso, ad non essere coperto dal finaziamento da parte dell’assicuirazione, dove ripeto l’hanno obbligato per poter accedere al finanziamento, da prescindere che mio suocero percepisce una pensione inpdap.Poi c’è da dire che la disdetta del contratto non è possibile perchè in base alla legge bersani non si può disdire se non oltre 5 anni, la polizza dura 60 mesi, perciò non ha diritto di recedere il contratto, un altra fregatura.
      mi pongo 2 domande:
      1) è vero che in base alla legge bersani non posso fare disdetta del contratto?
      2) ma le agenzie finanziare possono vendere qualsiasi prodotto
      assicurativo, o solo inerente al finanziamento, visto che è stato fatto tutto all’interno di una filiale della compass. grazie aspetto gentilmente risp.

    177. ciao,

      1) purtroppo è vero, ringraziamo bersani
      2) dipende dall’accordo che hanno con le assicurazioni

    178. ho un assicurazione riguardante un prestito,questi dell’assicurazione poco seri mi hanno dato inizialmente un indirizzo errato,poi dopo un mese ho spedito il tutto all’indirizzo giusto,il tutto in raccomandata a/r telefonate con centraliniste poco cordiali.aspetto che aspetto intanto la banca che mi aveva concesso il prestito vuole i soldi da me anche se sono disoccupato e qui la beffa 2 mesi sono a franchigia ,ok va bene pago i 2 mesi.ora mi arriva una lettera dell’assicurazione che dice :non possiamo procedere alla liquidazione dell’indennizzo .perché io ho ripreso dopo i 2 mesi di franchigia a lavorare un mese .il primo indennizzo per la garanzia per perdita d’impiego sarà liquidato solo se sia trascorso il periodo di 30 giorni consecutivi di disoccupazione dal termine del periodo di franchigia assoluta pari a 60 giorni.vorrei sapere se posso impugnare tramite avvocato .grazie nicola g.

    179. maurizio anche io avevo quell’assicurazione auguri.

    180. @nicola devi tenere presente che linea di credito e copertura assicurativa viaggiano su due linee differenti in quanto fanno capo a società differenti. In questo caso, ahimè, la banca ha il diritto di chiederti le somme dovute. D’altro canto, hai fatto bene a portare avanti il “discorso” con l’assicurazione…molto spesso loro “giocano” sui tempi dei sinistri (in questo caso la perdita di lavoro) e sulla burocrazia per richiedere la l’importo liquidato. Nel tuo caso andrebbe letto con attenzione il contratto per capire se almeno ti spetta il primo mese di indennizzo (cosa probabile).

    181. salve ho fatto un prestito con assicurazione e adesso essendo disoccupato non vogliono pagare perche’ dicono che essendo apprendista l’assicurazione non vale, e’ possibile ? grazie

    182. Salve, circa sei mesi fa ho estinto un prestito su cui avevo stipulato una polizza assicurativa per passare ad un mutuo. Dopo due mesi, ho richiesto la restituzione della quota di assicurazione pagata ma non goduta. La risposta della compagnia assicurativa è stata che tale richiesta doveva avvenire entro i 30 giorni dall’estinzione del finanziamento, come effettivamente riportato sul contratto. Secondo il mio intermediario creditizio, posso appellarmi al decreto Bersani per il recupero della quota della polizza non goduta, ma devo rivolgermi ad un avvocato.
      Come posso risolvere questa situazione?
      In attesa di una risposta, porgo cordiali saluti.
      Grazie. Luca.

    183. Salve purtroppo sono in cig da sei anni, perciò quando lo scorso anno ho chiesto un prestito di 3.000 euro a compass ero gia in cassa integrazione. Nonostante ciò il prestito è stato accettato, ma purtroppo non sono stato più in grado di pagare le rate.
      Intanto il mio datore di lavoro è fallito, e la cassa integrazione è cessata. Ora stiamo aspettando per la chiusura fallimentare ed e’ in atto un procedimento giudiziario nei suoi confronti.

      Intanto Compass ha messo in moto tutto un iter per il recupero del prestito, spluciando il contratto ho visto che e’ attiva una forma di assicurazione, da me firmata, chiamata budget protection polizza cl/11/050.
      Facendo una ricerca ho letto che rappresenta una forma di tutela che copre l’assicurato effettuando un rimborso forfettario, indipendente dal finanziamento e dal suo debito residuo. Cosa vuole dire?

      Grazie

      Distinti saluti

    184. Salve, mi chiamo Darla e vorrei gentilmente un’informazione:
      Nel settembre del 2010, ho stipulato un finanziamento con la comxxxs di 20.000,00€, con un premio assicurativo di circa 2760,00€. Il tutto è stato fatto tramite la figxxpa (non avevamo ancora una filiale nella mia città).

      A ottobre del 2011, abbiamo estinto il prestito, ma nessuno ci ha detto che potevamo chiedere un rimborso per il premio non goduto, l’abbiamo scoperto per caso grazie alla serietà della findxxxxxic, la quale ci ha detto che abbiamo 12 mesi per chiederlo ancora.

      Ho tel. alla comxxxs ( filiale di un’ altra città) per chiedere se ne avevamo diritto e mi hanno detto di si, ma dovevo passare per la figxxpa, che mi ha detto che me lo rimborseranno tramite sconto sulla denuncia dei redditi.

      In seguito sono andata alla comxxxs, che nel frattempo ha aperto nella mia città, e mi hanno detto che non credono che ci spetti più il rimborso in quanto devono passare 60gg, hanno comunque detto di provare a contattare la comxxxs centrale per vedere cosa devo fare. Il rimborso, eventualmente, sarebbe avvenuto o con assegno o bonifico senza passare per la figxxpa.

      Credo di averLe fatto venire il mal di testa con ciò che ho scritto…. chiedo scusa, ma io mi chiedo con queste tre versioni differenti a quale devo credere?

      Davvero si può chiedere solo dopo 60 gg? Perchè nessuno mi ha detto nulla? Cosa devo fare?

      Grazie di cuore e scusi ancora per il mio modo di esprimermi…. magari un po’ complesso…

      Buona giornata, Darla.

    185. Buongiorno, descrivo il mio problema. Io ho un prestito con Unicredit e ho fatto un’assicurazione. Ho dei problemi con il lavoro: devo prendere 8 stipendi ed ho chiesto di essere licenziato ma il mio capo si rifiuta, adesso voglio dare le dimissioni per giusta causa. In questi casi l’assicurazione paga lo stesso? Pur prendendo la disoccupazione perché considerata involontaria.

      Inoltre che devo fare con il mio capo che non vuole sapere di licenziarmi? Avrò problemi con l’assicurazione?
      Grazie x i vostri consigli.

      Distinti saluti

    186. Ero garante per un finanziamento di mio figlio. Ora lui purtroppo e deceduto.
      Facendo la rinuncia all’eredita posso non pagare più o sono obbligata comunque?

      Grazie

    187. @Pistone, si la copertura può non essere valida
      @luca, forse l’avvocato potrebbe aiutarti ma ne vale davvero la pena?
      @luciano, significa che se corrispondono tutti i termini del contratto potrai chiedere all’assicurazione di pagare parte del tuo debito
      @Darla, le conviene parlare direttamente con la Compass Centrale e farsi mandare un documento scritto
      @Michele, se si dimette l’assicurazione potrebbe non pagare il prestito! deve farsi licenziare
      @Franca, mi dispiace ma non è un argomento di mia competenza

    188. Posso disdire l’assicurazione con il rimborso parziale del premio pagato, anche se e obligatoria alla stipula del contratto? Lo vorrei fare perchè è molto onerosa. Grazie

    189. @gianfranco, devi valutare se ci sono clausole che legano le prestazioni all’assicurazione. Se disdici potrebbero bloccarti il finanziamento.

    190. Salve, quanto ci vuole per l’assicurazione presso l’agenzia figempa? Per avere il finanziamento loro dicono che arriva ma ci vuole più tempo perchè l’ho fatto in cassa integrazione .. grazie per i vostri chiarimenti

    191. Buongiorno, al momento della concessione di un mutuo ipotecario, la banca mi ha fatto sottoscrivere una polizza assicurativa che copre la perdita di lavoro. io ho perso il lavoro (licenziamento) da un anno, ma dato che la banca non mi ha mai dato la copia della polizza, non ho pensato a fare una denunucia di sinistro. Ora che mi sono accorta e che sono ancora disoccupata, vorrei fare la denunucia ma mi hanno detto che avevo solo 3 mesi di tempo. Io però ancora continuo a pagare la polizza che scadra tra 7 anni. Non mi spetta pertanto nessun rimborso? grazie per la risposta

    192. Salve,un anno fa ho rinnovato una cessione del quinto per avere un po di liquidita’ con la stessa finanziaria,oggi scopro che si puo ottenere un rimborso sulle assicurazioni per le quote non usufruite,ma la finanziaria non mi ha detto nulla ora mi chiedo a distanza di tempo si puo chiedere il rimborso all’assicurazione? e poi come funziona se ho rivalutato il contratto pagando 2 volte l’assicurazione? grazie

    193. io o fatto un prestito con il 5 dell stipendio ma la ditta mi ha licenziato, vorrei sapere chi e che paga sto prestito

    194. Salve volevo chiedere alcune cosa. Alcuni anni fa ho fato 2 cessioni in busta paga di importi elevati. Pero’ nell’ultimo anno a causa di problemi fisici (sono in possesso di un invalidita permanente 30 per cento a vita di guerra) , sto percependo di meno. Posso fare qualcosa, per pagare di meno? dato che sui contratti sono assicurato anche per la riduzione lavorativa e reddito. grazie mille

    195. @tutti
      qualsiasi questione di termini di denuncia o comunicazione sono scritti nelle condizioni di polizza che dovete leggervi. Non sono tutte uguali e non possiamo darvi precisa risposta.

      Per chi invece è stato licenziato ed è in possesso di polizza contro perdita di lavoro o riduzione di reddito deve farne denuncia all’assicurazione per attivare la copertura delle rate secondo le modalità previste in polizza che di solito sono da 6 mesi a 1 anno di rate coperte.

      Saluti

    196. salve, ho un prestito da circa due anni volevo sapere l’assicurazione interviene anche in caso di dimissioni dovuti a problemi fisici o altro.

      grazie.

    197. @tony,
      salve, solitamente le dimissioni non sono accettate per far scattare il sinistro.
      In ogni caso deve leggere il contratto o telefonare alla sua compagnia assicuratrice.

    198. salve, mi chiamo alessio.
      dovrei richiedere un prestito perchè ho bisogno di liquidità e sto facendo un raffronto tra tutti gli istituti di credito che erogano i finanziamenti.
      Sto cercando delle informazioni in merito alla copertura assicurativa ma non riesco a trovare un’infomazione molto importante per me.
      In caso di perdita di lavoro l’assicurazione interviene e “paga” le rate al mio posto. La domanda è questa: ma questo “intervento sostitutivo” da parte dell’assicurazione è limitato, ossia, avviene per un breve lasso di tempo, oppure avviene per tutta la durata della disoccupazione?
      Grazie mille

    199. @alessio: solitamente esiste un periodo limitato dai 3 ai 12 mesi. Dipende dal contratto d’assicurazione che io consiglio sempre di leggere prima di firmare.

    200. Salve io ho un prestito con consumit e questo sarebbe l’ultimo anno per finire i quattro anni previsti, purtroppo però sono rimasto senza lavoro e di conseguenza sono in disoccupazione.

      Ho provato a parlare con chi si occupa della mia pratica chiedendo di cosa hanno bisogno per attivare l’assicurazione, anche se gli ho già mandato i seguenti documenti: copia bonifico bancario ricevuto dall’INPS in cui è specificato “disoccupazione” come causale, copia richiesta disoccupazione fatta presso la cisl, copia lettera INPS in qui accolgono la mia richiesta di disoccupazione, copia dell’ultima busta paga in cui c’e scritto la scadenza del contratto di lavoro.

      Nonostante tutti i documenti inviati, mi e stato detto che non bastano e non mi possono aiutare. Voglio sapere con certezza di cosa ho bisogno. Grazie

    201. Salve,

      ci dispiace per la sua situazione comune a molte altre famiglie. Ma per capire quali altri documenti deve inviare non deve parlare con noi ma direttamente con l’assicurazione presente nel suo contratto, con consumit.

      in bocca al lupo

    202. qualche anno fa è stato fatto un prestito dove l assicurazione era talmente alta che ora ci si ritrova ad aver fatto un prestito di 20000 euro ma a pagare per altri 10 anni 500 euro al mese(un mutuo quasi), c’è possibilità di uscirne in tutto ciò?sappiamo che l’ errore è stato nostro a non informarci abbastanza, ma è legale da parte di un’ agenzia di prestito fare dei prestiti di questo genere?
      grazie

    203. @maddalena: le consiglio di rivolgersi ad un buon avvocato.

    204. buongiorno cerco aiuto mia moglie è intestataria di un prestito personale fatto con Poste italiane a maggio l’anno scorso è stata licenziata per esubero di personale.Ora dopo aver fatto richiesta all’assicurazione di bloccare il prestito e avendo mandato tutti i documenti corretti l’agenzia rifiuta il blocco perchè lei doveva lavorare per almeno sei mesi all’interno dell’anno (personalmente mi sembra una clausale falsa e fittizzia) é possibile una causale del genere ma sopprattutto visti i requisiti dell’agenzia è possibilie fermare il pagamento dell’assicurazione e il rimborso su quelli che abbiamo pagato?

    205. salve. mi chiamo giuliano e ho stipulato un finanziamento con la santander per l’acquisto di un’ auto pagando un premio aggiuntivo perchè la compagnia si impegnasse a pagare le rate in c aso di sinistri tra cui anche la perdita di lavoro per un massimo di 12 mesiNon ci sono clausole che citano la mobilità.Bene, io sono stato posto in mobilità il 14/01/2011 e non ho comunicato tempestivamente l’accaduto non ricordandomi più dell’assicurazione a cui avevo diritto.Ho comunicato alla compagnia in giugno 2013 l’accaduto e la stessa mi ha risposto che non ho più diritto per il decorso dei termini di danuncia.Io vorrei gentilmente sapere come funziona in questo caso che c’è la mobilità che copre un periodo che va dal 14/01/2011 al 14/01/2015 oltre ai vari slittamenti che mi spettano in caso di impieghi saltuari (come è già successo, visto che ho lavorato dall’11/11/2011 al 13/05/2012 interrotto fino al 14/06/2012 per poi ripartire a lavorare fino all’11/04/2013 ed ora nuovamente in mobilità).Vada per il primo periodo che non ho comunicato, ma per tutti gli altri a venire?Cosa mi suggerisce di fare?Sia più gentile del solito, mi dica che ho speranze!

    206. ho rinnovato un prestito attraverso la cessione del quinto della mia pensione, sottoscrivendo il costo di assicurazione, ora da pochi giorni mi è stato diagnosticato un tumore, con una stima di vita non superiore a 3-4 mesi.
      Mia moglie avrà diritto alla riversibilità, circa il 60% delle 2.200 € mensili + 13°.
      Con la mia morte si estingue la rata del quinto che pago mensilmente, pari a 428€, o continuerà ad insistere sulla quota di reversibilità spettante a mia moglie?

    207. Salve, mio suocero e’ deceduto poche settimane fa’ aveva una carta aura della findomestic e ad oggi debitore con questa compagnia di 4.500 eur. aveva 78 anni. ho mandato tutta la documentazione all’assicurazione che lui pagava regolarmente ad ogni bollettino ma loro dicono che non possono risanare il debito in quanto il cliente aveva superato la soglia dei 70 anni? perche’ non hanno avvertito 8 anni fa’ che fare?

    208. @monica: ti consiglio di rivolgerti ad un buon avvocato
      @giuliano: ti consiglio di far valutare il tuo contratto ad un commercialista di fiducia o ad un avvocato
      @giovan battista: mi dispiace davvero per la tua situazione fisica, è davvero brutto sapere di avere pochi mesi di vita. La tua situazione penso che sia complicata anche per l’assicurazione e quindi ti consiglio fin da subito di rivolgerti ad un avvocato al fine di poter assicurare a tua moglie una vita senza il peso di tale debito.

    209. Salve.Ho stipulato un’assicurazione per perdita di impiego e morte insieme ad un mutuo con BNL.Ora ho perso il lavoro.Non sono un cattivo pagatore, anzi tuttora pago le rate, ma ora vorrei usufruire della polizza.Mi richiedono la busta paga del giorno di stipula. Allora ero in mobilità ma il mutuo mi è stato concesso perchè le buste si riferivano a mesi precedenti.Posso usufruire della polizza?Che tipo di controlli fanno?
      Grazie

    210. Salve ho un finaziamento dal 2008 e mi rimane l’ultimo anno purtroppo la mia azienda per motivi di crisi mi a ridotto le ore lavorative da40 ore a 24 ore settimanali ovviamente si e ridotto lo stipendio a 850 euro al mese ora sono in dificolta a pagare la mia rata Di 300 euro io quando ho stipulato questo: contratto mi sono avalso dell’assicurazione, vorrei sapere se rientro in quella categoria di; perdita di lavoro e far valere l’assicurazione perche non riesco piu appagare .grazie di tutto

    211. salve, mi chiamo Vincenzo le volevo chiedere come bisogna fare per rivalersi sull’assicurazione di un mutuo casa che scade a giugno 2014. Ho saputo da poco che potrei rifarmi sull’assicurazione, anche se è rimasto poco da pagare ma se mi tocca perche no, sono stato riformato per motivi di salute il 1°luglio c.a. dalla c.m.o. di bari rientro nei casi di Invalidità Permanente? Come mi devo muovere? grazie vincenzo.

    212. @santo: dipende dal vostro contratto di assicurazione, consiglio di leggere le clausole o contattare l’assicurazione
      @vincenzo: anche in questo caso è necessario valutare il contratto assicurativo.

    213. Salve,
      ho stipulato nel 2012 un contratto di finanziamento per l’acquisto di un veicolo. Sono rimasto senza lavoro da maggio 2013. Non mi ero accorto purtroppo che col finanziamento era prevista l’assicurazione. Ho chiamato l’assicurazione ma sono vaghi, non mi mandano il modulo da compilare e non mi dicono quali documenti dovrei inviare. Non sono molto esperto quindi vorrei sapere se mi rivolgo all’avvocato per farli contattare da lui le spese legali le pagherà anche l’assicurazione? grazie in anticipo

    214. @Marco: se la tua causa di perdita di lavoro rientra tra quelle previste per accedere alla copertura assicurativa, allora puoi agire anche tramite avvocato. Naturalmente le spese iniziali dovrai sostenerle in prima persona per poi attendere l’esito dell’eventuale concordato o causa

    215. Grazie per la risposta. Purtroppo ho perso il lavoro prima dei 12 mesi previsti dal contratto di finanziamento, e non mi attivano la polizza. Così mi hanno detto al telefono.

    216. Salve, avrei cortesemente bisogno di una info. Alcuni anni fa ho contratto una polizza con un gruppo assicurativo contro la perdita di impiego ed altre tutele a garanzia del mutuo; nelle condizioni della polizza si cita che questa non copre in caso di “licanziamento per volontà dell’assicurato”: poichè la mia azienda non mi paga gli stipendi ormai da 3 mesi e naviga in cattive acque, se do le dimissioni per giusta causa (mancata retribuzione appunto) posso usufruire del rimborso delle rate del mutuo visto che sono costretta a licenziarmi? grazie. marina

    217. @marina: non puoi usufruire se ti licenzi tu. Fatti licenziare da loro.

    218. Ciao a tutti…
      nel 2008 ho richiesto una carta di credito alla Fiditalia, Eureka, dopo tanti anni e interessi altissimi devo ancora pagare 1800€ su 3mila richiesti, mi era stata consentita senza avere un lavoro a tempo indeterminato. A febbraio 2013 ho avuto un infortunio e a Maggio non mi e’ stato rinnovato il contratto, avendo preso la disoccupazione ho pagato avanti le rate, ma ora sono senza lavoro ne disoccupazione….Dovrei avere la Proxilia assicurazione, ma se li contatto per mail a fiditalia e proxilia non ricevo risposta.
      Mi sono trasferito all’estero e non riesco a contattarli in altri modi al momento. cosa devo fare? grazie mille

    219. Buon giorno
      Vorrei sapere sè possibile.
      Io nell,anno 2009 hò chiesto ed ottenuto un prestito dalla Posta coperto da polizza assicurativa che copra, perdita di lavoro, malattia, morte l’impporto finanziato.
      In maggio 2013 perdo il lavoro (licenziato con data 31/05/13) causa chiusura dell’azienda. Faccio domanda di disoccupazione che mi viene concessa. Il 29 luglio mi viene proposto un lavoro che purtroppo non finisce con un assunzione e termina il 31/08/13.
      L’indennita di disoccupazione non ne risente infatti è solo sospesa il tempo del lavoro svolto per continuare dal 01/09/13, l’indennità mi verra corrisposta fino a fine maggio 2014.
      Io chiedo alla posta di poter sospendere le rate del finanziamento che io hò continuata sempre a pagare regolarmente a partire daq giugno 2014 fino ad un eventuale nuovo lavoro. Mi rispondono che io all’atto della sottoscrizione del finanziamento hò stipulato un assicurazione che copre tale evento (lka disoccupazione).
      Io chiedo di poter usufruore di questa assicurazione inviando i documenti richiesti (lettera licenziamento, Storico dell’ufficio impiego, busta paga all’atto della sottoscrizione del prestito, busta paga al momento del licemnmziamento).
      L’assicurazione mi risponde che non sono tenuti a risarcire alcunchè in quanto i hò interroto la disoccupazione il 29/07 ovvero prima di 60 giorni dal primo licenziamento e poi di non aver lavorato almeno per 90 giorni dopo tale evento.
      Continuano a percepire le rate comprensive dell’assicurazione per coprire che cosa, visto che sul contratto di stipula con la posta vi è solo una casella barrata che dice che l’assicurazione copre in caso di perdita di lavoro, malattia, incidenti e morte dell’assicurato senza alcuna specifica a clausole di alcun genere.
      Cosa devo fare per venirne a capo visto che giugno si avvicina ed io non avrò più con che cosa pagare le rate.(Non vorrei pewrdere la casa, visto che mi rimane solo più quella)
      Ringrazia per una cortese risposta.
      Cordiali saluti.
      Marco Renzetti

    Lascia un Commento